Un museo della scienza per Roma

Read time: 2 mins

Caro Ministro Francesco Profumo, caro presidente Lamberto Maffei,

trovo molto interessante la Conferenza ANSA del 18 settembre, tenuta presso l’Accademia dei Lincei, alla quale hanno partecipato sia il Ministro della ricerca scientifica Italiana che il Presidente dell'Accademia dei Lincei. Io non ho potuto partecipare, ma mi permetto di esprimere a voi direttamente un mio punto di vista, approfittando della presenza dell'amico Giovanni Anzidei, da anni interessato ai problemi della scuola e dell'Accademia dei Lincei. Noi siamo tutti interessati ed ansiosi per ogni iniziativa che ravvivi o risvegli l'interesse dei giovani verso le discipline scientifiche e sociali: esse possono destare in loro la curiosità ed il desiderio, e la gioia di capire e di sapere. La mia esperienza come maestro elementare e delle scuole medie, prima delle mia lunga carriera all'Università ed al suo governo, mi permettono di affermare che
questa curiosità e questo fascino sono latenti in tutti i giovani, ma forse non sono a sufficienza
utilizzati dalla nostra scuola. Ho potuto verificare come questa attenzione giovanile è curata in molti Paesi (Stati Uniti, Germania Francia e quasi tutti i Paesi maggiori). Una via principale sono i Musei della scienza e della tecnica, che nei centri maggiori accolgono i giovani e li ispirano ad un sincero entusiasmo verso il desiderio di sapere di più. La necessita di avere un museo della scienza aperto ai giovani è stata molto sentita in Italia. Negli anni passati sono anche partiti programmi di estesa ambizione, particolarmente nella città di Roma, ma, non hanno avuto un effettivo compimento. Io desidero, con questa mia lettera, sottolineare la convenienza, quasi la necessita, di avere in Roma un museo della scienza.

Esso darà la possibilità di accendere nei giovani la felicità di capire. Ma debbo anche sottolineare che esso aiuterà tutti gli insegnanti, e quelli di scienze in particolare, che spesso non hanno avuto nell'Università le indicazioni più adatte per capire quale immensa leva le leggi più semplici della scienza costituiscono per la gioia di vivere e di amare il genere umano. Io mi rallegro vivamente per la nuova iniziativa Ansa che con l'aperta " brain circulation .. è destinata ad allargare e dare spazio alle nostre iniziative scientifiche , e che entrerà per vostro merito in tutte le scuole e nelle famiglie. Abbiamo diritto di sperare che i nuovi orizzonti scientifici risultino in un beneficio di tutta la società italiana.

Ringrazio per l’attenzione, ed invio cordiali saluti

Giorgio Salvini
Presidente Onorario dell'Accademia Nazionale dei Lincei



altri articoli

Tieni alla ricerca? Vota Europa

Crediti: Etereuti/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Un'indagine commissionata da Fondazione Bracco a Eumetra per captare gli orientamenti degli opinion leader sui temi di Unione europea e ricerca scientifica ha mostrato che chi dovrebbe orientare l’opinione pubblica in realtà si allinea quasi perfettamente a essa: poco più della metà degli intervistati pensa che l'Italia non abbia beneficiato dall'ingresso in UE, e ben il 32% ritiene che l'Europa non sia essenziale per lo sviluppo scientifico del nostro Paese. Quest'idea può derivare dal fatto che l'Italia, negli ultimi anni, ha contribuito in media per il 9,47% del bilancio europeo della ricerca ma ne ha riportato a casa l’8,27%. Bisogna però tener conto della crescita in termini di competenze e di collaborazione transnazionale che queste risorse hanno generato e che vanno a riverberare su altri ambiti, principalmente innovazione ed economia