Nei siti industriali inquinati maggior rischio di malattie

Read time: 4 mins

Ci si ammala più facilmente nei siti industriali contaminati: questo il succo della terza edizione dello studio «Sentieri» (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento), finanziato dal Ministero della Salute e coordinato dall’Istituto superiore di sanità sullo stato di salute della popolazione che vive nei 44 siti di interesse nazionale per le bonifiche (SIN). Rispetto alle edizioni precedenti, focalizzate sulla mortalità, la terza edizione (scaricabile dal sito di Epidemiologia & prevenzione), si concentra sui 18 siti di bonifica dove è stato possibile effettuare un aggiornamento sui dati di mortalità (2003-2010), raccogliere i dati relativi ai ricoveri (2005-2010) e quelli dei nuovi casi/anno dei tumori (incidenza) raccolti dai locali registri tumori (1996-2005).

Diciotto aree analizzate

L’analisi della terza edizione di «Sentieri» non ha riguardato tutte le 44 aree di bonifiche, me 18 aree dove la presenza di registri tumori ha consentito di raccogliere, oltre i dati più aggiornati di mortalità e di ricovero, le incidenze tumorali. Le aree indagate sono: Bolzano, Trento Nord, Porto Marghera, Laguna di Grado e Marano, Trieste (non per l’incidenza tumori), Brescia (per la zona della Caffaro), Polo di Mantova, Cogoleto (per la Stoppani), Fidenza, Sassuolo e Scandiano, Terni, Litorale Domizio Flegreo e litorale Aversano, Taranto, Milazzo, Gela, Biancavilla e Priolo, Porto Torres e Sassari.

Tumori in aumento

«L’analisi, in aggiunta alla mortalità, dei dati riguardanti l’incidenza oncologica e i ricoveri ospedalieri è cruciale. Quando si ha a che fare con malattie ad alta sopravvivenza, infatti, lo studio della sola mortalità porterebbe a sottovalutarne l’impatto effettivo», ha sottolineato Roberta Pirastu dell’Università di Roma, coordinatrice del progetto «Sentieri». In effetti, rispetto alle passate analisi, alcune importanti novità sono emerse. È il caso, per esempio, del tumore della tiroide, per il quale in alcuni SIN sono stati rilevati incrementi in entrambi i sessi per quanto riguarda sia l’incidenza (Brescia-Caffaro: + 70% per gli uomini, +56% per le donne; Laghi di Mantova: +74%, +55%; Milazzo: +24%, +40%; Sassuolo-Scandiano: +46%, +30%; Taranto: +58%, +20%), sia i ricoveri ospedalieri (Brescia-Caffaro: + 79% per gli uomini, +71% per le donne; Laghi di Mantova: +84%, +91%; Milazzo: +55%, +24%; Sassuolo-Scandiano: +45%, +7%; Taranto: +45%, +32%). Analizzando nel dettaglio alcuni SIN, possiamo notare come in quello di Brescia-Caffaro si riscontra un aumento di incidenza nei tumori del 10% negli uomini e del 14% nelle donne; per i melanomi della cute un +27 % negli uomini e +19% nelle donne, per i linfomi non-Hodgkin + 14% negli uomini e +25% nelle donne, per i tumori della mammella + 25% nelle donne.

Ossa, polmone, fegato

Questi dati costituiscono una sorta di «impronta digitale» del grave inquinamento che si è verificato. Senza considerare che sono aumentati anche altri tumori, le cui cause biologiche possono essere diverse. A Taranto e a Porto Marghera solo tra le donne i dati osservati superano quanto ci si poteva attendere per i tumori ossei, della mammella, dell’utero, il mieloma, la leucemia linfatica, nello specifico quella acuta. A Porto Torres è molta alta invece l’incidenza dei tumori al polmone. Questo dato, secondo gli autori del rapporto, è dovuto non solo all’inquinamento industriale, ma anche alle abitudini al fumo. Interessanti anche i dati sul tumore del fegato, che gli epidemiologi di «Sentieri» riconducono anche a un diffuso rischio chimico presente nei siti di bonifica, come a Priolo così come nella “terra dei fuochi” in Campania. Anche l’analisi dei dati di ricovero (2005-2010) rivela alcune realtà da tenere sotto controllo. Nell’area di Sassuolo-Scandiano, per esempio, nel corso degli anni, sono stati registrati molti ricoveri tra gli uomini per melanoma cutaneo, tumore della la tiroide, malattie ischemiche del cuore, in particolare per insufficienza cardiaca. A Trieste, invece, si registra un eccesso di ricoveri per malattie polmonari cronico-ostruttive.

Emergenza amianto

Da «Sentieri» emerge con forza anche la gravità della esposizione ad amianto subita dalle popolazioni residenti in molte aree di bonifica. Eccessi per mesotelioma e tumore maligno della pleura si registrano infatti nei SIN siciliani di Biancavilla (CT) e Priolo (SR), dove è documentata la presenza di asbesto e fibre asbestiformi, ma anche nei SIN con aree portuali (Trieste, Taranto, Venezia) e con attività industriali a prevalente vocazione chimica (Laguna di Grado e Marano, Priolo, Venezia) e siderurgica (Taranto, Terni, Trieste): un dato, questo, che conferma la diffusione dell’amianto nei siti contaminati anche al di là di quelli riconosciuti tali in base alla presenza di cave d’amianto e fabbriche di cemento-amianto.

«Sentieri Kids»

Un capitolo importante di «Sentieri» è dedicato ai bambini, un bersaglio molto sensibile alla contaminazione ambientale. L’Agenzia europea per l’ambiente (EEA) ha stimato che in Europa i siti che richiedono interventi di bonifiche ambientali sono circa 250mila. In Italia si calcola che circa 5,5 milioni di persone e un milione di bambini e giovani risiedono nei 44 siti di interesse nazionale per le bonifiche. I risultati preliminari di un’analisi della mortalità infantile per alcuni grandi gruppi di cause nei siti contaminati mostrano che il rischio di mortalità nei bambini più piccoli è rispettivamente del 4% e del 5% più elevata rispetto ai bambini residenti in altre aree: un segnale che indica sicuramente la necessità di indagini più approfondite. «Sentieri Kids» continuerà con una serie di analisi multiesito, basate sui dati di mortalità, ricoveri ospedalieri e incidenza neoplastica, in modo da allestire un sistema di monitoraggio permanente e, a breve, suggerire alcuni interventi di prevenzione.

Tratto da Corriere della sera.it

Articoli correlati

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #100

Mauro Ferrari, pioniere nel campo delle nanotecnologie per la cura dei tumori metastatici, è stato nominato direttore dello European Research Council (ERC). Succederà al matematico francese Jean-Pierre Bourguignon a partire dal 1° gennaio 2020 e per quattro anni sarà alla guida dell'agenzia di finanziamento della ricerca di base dell'Unione Europea che dal 2007 a oggi ha assegnato circa 9 000 grant per un totale di 17 miliardi di euro. Una laurea in matematica a Padova e un dottorato in ingegneria meccanica a Berkeley, Ferrari, negli Stati Uniti da oltre trent'anni, promette di promuovere la "superdisciplinarità", quell'attitudine verso la ricerca che costruisce nuova conoscenza al confine tra diversi campi pur rispettandoli. In Italia la sua nomina ha fatto scalpore. Nel 2014, nominato membro del comitato di valutazione del metodo Stamina dall'allora Ministra della salute Beatrice Lorenzin, dichiarò: «È il primo caso importante di medicina rigenerativa in Italia». Seguì un'ondata di proteste del mondo scientifico che raggiunse addirittura le pagine di Nature e costrinse Lorenzin a escluderlo dal comitato. Nel 2015 entrò a far parte del comitato di selezione degli enti di ricerca italiana e quando, nel dicembre scorso, Roberto Battiston non venne rinnovato a capo dell'Agenzia Spaziale Italiana e tutti i membri del comitato si dimisero, Ferrari rimase al suo posto. Nell'immagine: Mauro Ferrari durante il suo discorso di saluto dopo la nomina a prossimo direttore dell'ERC. Credit: European Research Council / Youtube.

Negazionismo climatico 

Negli Stati Uniti una tra le più alte percentuali di negazionisti climatici. È quanto emerge da un sondaggio, condotto tra febbraio e marzo dalla società YouGov in collaborazione con l'Università di Cambridge e il Guardian, che sta esplorando temi come populismo e globalizzazione in 23 Paesi del mondo e raccogliendo le posizioni dei cittadini su temi come cibo, tecnologia, immigrazione e ambiente.