Covid-19/

Testamento biologico: una legge antiscientifica

Tempo di lettura: 3 mins

La legge sul testamento biologico appena approvata dalla Camera dei Deputati è un vero pasticcio giuridico e ideologico: ingiusto nella sua ispirazione, inapplicabile nella pratica medica, annulla l’autodeterminazione del singolo rispetto alla scelta delle cure e compie una pesante interferenza nelle competenze del medico.

Il testo introduce il testamento biologico, è vero, ma ne fa un pezzo di carta senza nessun valore. Nel documento contenente le dichiarazioni anticipate di trattamento, si potranno indicare solo orientamenti riguardo ai trattamenti sanitari accettati, ma non potranno essere indicati quelli che si vogliono rifiutare o sospendere. Non sarà possibile dire no a una procedura medica che riteniamo sproporzionata. Anche se considerassimo inaccettabile un trattamento sanitario come un tubo inserito nell’intestino per l’idratazione e la nutrizione artificiali, anche se per noi, per la nostra personale e insindacabile visione della vita, questo intervento possa essere considerato come accanimento terapeutico, dovremmo subirlo. Per legge dello Stato. Aver dichiarato in precedenza di voler rifiutare un trattamento del genere non servirebbe a nulla.

Inoltre, il testamento non sarà vincolante per il medico che potrà disporre diversamente da quanto dichiarato dal paziente solo indicando nella cartella clinica il motivo della decisione adottata, anche palesemente contro la volontà del malato affidato alle sue mani.

E’ una legge che toglie agli italiani il diritto di scegliere e di indicare quali cure ricevere o non ricevere sul proprio corpo. Sarà la maggioranza parlamentare eletta nel 2008 a farlo per loro e a decidere anche per il medico, imponendo di somministrare in ogni caso nutrizione e idratazione artificiali, indipendentemente dalle reali condizioni del paziente.

In questo modo il Parlamento ha preteso di sostituirsi a dottori ed infermieri, senza tenere in nessun conto le competenze e la deontologia professionali, come hanno già osservato i medici, tra questi il segretario nazionale della Cgil-Medici Massimo Cozza. Dicendo che: "se il medico non ottempera a quanto gli viene imposto dalla legge, in modo contrario al codice deontologico e all'alleanza terapeutica con il paziente rischia di essere incriminato con accusa di omicidio", mentre “l’atto medico non viene riconosciuto tale anche nel caso dell'alimentazione e dell'idratazione artificiale".

Infine, è una legge scritta in modo pessimo. Prevede l’applicazione del testamento solo per gli ammalati in stato di “accertata assenza di attività cerebrale integrativa cortico-sottocorticale”, definendo con un’espressione scientificamente imprecisa una condizione ancora non unanimemente definita e identificata nel mondo della medicina. E` verosimile che il testo si riferisca a una condizione di assenza di attività elettrica cerebrale (il cosiddetto elettroencefalogramma piatto), ma in questo caso saremmo di fronte a un tragico paradosso: vorrebbe dire che la legge consente di sospendere la somministrazione di terapie ai pazienti dopo la morte cerebrale. In questo caso, non credo fosse necessaria una legge per consentire ai medici di sospendere le terapie. Di fatto, così come è scritta, si tratta di una norma di impossibile applicazione: capisco e condivido la difficoltà già annunciata dal presidente dell'Associazione degli anestesisti-rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi) Vincenzo Carpino che ha chiesto al Parlamento “chiarimenti sugli aspetti medico-scientifici”.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Ripensare la consulenza scientifica in un futuro post-COVID-19

Dopo la crisi Covid-19, la consulenza scientifica deve assolutamente aggiornarsi. Paesi con uffici di consulenza scientifica solidi come il Regno Unito hanno hanno reagito spesso peggio di altri Paesi, come la Corea del Sud, praticamente quasi sprovvisti di tali organi. Secondo gli autori, la consulenza scientifica deve basarsi su una scienza più diversificata (scienze sociali, ingegneristiche, ...) e su una consulenza, appunto, più moderna. In altre parole, serve una figura di consulente scientifico più multidisciplinare.

Immagine: Westminster; licenza: Pixabay License.

Questo articolo sulla consulenza scientifica è stato originariamente commissionato e pubblicato dalla Campagna per le Scienze Sociali del Regno Unito nell'ambito del programma COVID-19 (Campaign for Social Science as part of its COVID-19 programme) Traduzione: Jacopo Mengarelli. Supervisione: Alessandro Allegra.