Covid-19/

Lo squalo non è poi così cattivo

Read time: 3 mins

Per il secondo anno consecutivo il numero di squali bianchi al largo di Cape Cod sembra essere in aumento; la Massachusetts Division of Marine Fisheries potrebbe presto avere a disposizione un nuovo strumento tecnologico di monitoraggio.

Nuovi giovani esemplari

Uno studio condotto dal Massachusetts Department of Fish & Game, con il sostegno dell'associazione no profit Atlantic White Shark Conservancy, rivela che la popolazione di Carcharodon carcharias (grande squalo bianco), specie vulnerabile secondo la International Union for Conservation of Nature, è in continuo aumento nelle acque storicamente fredde del Massachusetts. L'indagine ha avuto inizio nel 2014, quando i ricercatori, utilizzando un aereo per l'avvistamento e apposite imbarcazioni per la catalogazione, avevano registrato, al largo di Cape Cod, circa 80 grandi squali bianchi nel periodo da giugno a ottobre; nella stessa area, nel 2015, il team segnalava un lieve aumento di esemplari; nel 2016, invece, il numero di squali classificati è stato di 142 grandi bianchi, 101 dei quali non era stato visto nell'anno precedente. "L'estate scorsa (2016) abbiamo riscontrato un maggior numero di squali più piccoli, tra cui giovani esemplari, il che ci fa supporre che la popolazione stia aumentando" afferma Greg Skomal, biologo marino e project leader del Massachusetts Shark Research Program, in una dichiarazione alla Associated Press. “L'incremento della popolazione di squali sembra essere legato all'aumento delle foche presenti nella stessa regione: dopo essersi pericolosamente avvicinato all'orlo dell'estinzione, il numero di questi mammiferi marini è infatti rapidamente cresciuto grazie allo U.S. Marine Mammal Protection Act (MMPA). Alla migrazione delle foche più a nord sulla costa orientale, è seguita di conseguenza quella degli squali”.

Attacchi in calo

I turisti che affollano la penisola a sud-est di Boston possono stare tranquilli: il rischio per un essere umano di essere attaccato da un grande squalo bianco è pressoché nullo. Secondo le rilevazioni dell'International Shark Attack File (ISAF), nel 2016, nel mondo, sarebbero state registrate solo 81 aggressioni non provocate dall’uomo, cifra in netto calo rispetto all’anno precedente in cui era stato raggiunto il livello record di 98 attacchi. Diminuiscono anche le vittime di questi attacchi: 4, contro le 6 del 2015. La maggior parte degli incidenti è avvenuta negli Stati Uniti (53), nessuno mortale. In Massachusetts l'ultimo attacco fatale si è verificato nel 1936. Nessuna segnalazione fino al 2012 con un incontro uomo/grande bianco non-fatale; episodio ripetutosi nel 2014.

Altametry Smart Balloon

Ricercatori e funzionari di pubblica sicurezza potrebbero presto avere a disposizione un nuovo strumento per monitorare le crescenti popolazioni di grandi squali bianchi al largo della costa di Cape Cod. Lo stesso Greg Skomal e la Division of Marine Fisheries stanno valutando il lancio di un programma che prevede l'utilizzo di un pallone aerostatico ad alta tecnologia per individuare gli squali nelle acque vicino a Chatham. La Altametry Smart Balloon, una società con sede a Miami, ha infatti sviluppato un palloncino con telecamere ad alta definizione, funzionalità di video streaming e filtri specializzati per curiosare sotto la superficie e avvertire, in caso di bisogno, il vicino litorale. Una vedetta a costi ridotti e senza la necessità di un pilota: infatti, mentre un aereo risulta costoso e può monitorare una sola spiaggia per un breve periodo di tempo e i droni hanno batteria limitata e richiedono condizioni meteo quasi perfette per volare, un pallone risulta la soluzione più funzionale ed efficiente nonostante la sua (solo) apparente semplicità.

Nessuna minaccia, quindi, per i bagnanti statunitensi: il temibile predatore di Jaws, famosa pellicola del 1975, si trova nella zona balneare del Massachusetts solo per cibarsi di foche, non di turisti. La sua presenza è un buon indicatore di un ecosistema che si sta ripopolando e, anche qualora un esemplare dovesse avvicinarsi troppo alla costa, la tecnologia ci spedirebbe subito un segnale di allerta. Nessun pericolo.

 

 

 

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Covid-19 e riproduzione: un binomio ancora incerto ma tutt’altro che trascurabile

spermatozoi

Covid19 e infertilità: sebbene i risultati disponibili siano al momento immaturi, stanno emergendo diversi elementi a supporto dell’ipotesi che l’infezione da SARS-CoV-2 possa avere effetti negativi anche sulla riproduzione. Il tema può rivelarsi di interesse primario, considerando il calo delle nascite in corso da decenni in Italia e la potenziale ulteriore accelerazione nel 2020 e 2021, sia per cause psico-sociali, che come conseguenza del possibile impatto dell’infezione sulla funzione riproduttiva (Fraietta et al. 2020).

Ecco emergere un altro dei temi legati a COVID-19 che può essere di grande interesse per i cittadini, occasione per pianificare interventi di sanità pubblica a supporto e protezione di una fascia così importante della comunità: quella delle coppie in età fertile che possono decidere di avere bambini. Il tema è complesso dal punto di vista medico e della ricerca e in forte evoluzione, con molti aspetti da chiarire per indirizzare nuove ricerche e diverse notizie da condividere con i decisori anche se ci sono incertezze.