Ecco chi sono i ricercatori più citati (2008-2018)

Tempo di lettura: 3 mins

Ed ecco l’attesa lista annuale dei ricercatori Highly Cited pubblicata oggi (19 novembre) da Clarivate Analytics. La lista comprende i ricercatori che nel periodo 2008-2018  hanno pubblicato il maggior numero di articoli molto citati ("Highly Cited Papers"), cioè articoli che si collocano nel primo 1% per cento al mondo per numero di citazioni. L'analisi è condotta distinguendo 21 diverse aree scientifiche: dalla medicina clinica alla fisica, dalla matematica alle scienze agrarie e così via. Ovviamente ciascuna con una soglia diversa per entrare nell’empireo dell’1%,. “Il numero minimo di articoli altamente citati per la selezione varia a seconda del settore, con la Medicina Clinica che richiede il massimo e l'Economia e Business il minimo. Un criterio aggiuntivo della selezione è dato dalla verifica che le citazioni ai lavori molto citati di un singolo autore siano sufficienti a fargli raggiungere, da sole, la soglia che identifica il primo 1% delle citazioni totali per autore del settore considerato” spiega il report di Clarivate.

I ricercatori molto citati al mondo quest’anno sono 6.216: 3.725 in uno dei 21 campi di ricerca mentre altri 2.491 considerando l'insieme di più discipline (cross-fields). Questo è il secondo anno che oltre ai ricercatori dei singoli campi vengono conteggiati anche coloro che hanno un numero alto di citazioni sommando diversi campi.

Per venire ai Paesi, dominano ovviamente sempre gli Stati Uniti, seguiti da Regno Unito, Cina, Germania, mentre l’italia è fuori dai primi dieci, sorpassata anche da Francia e Spagna.

Rispetto agli anni scorsi il balzo più grande l’ha fatto la Cina, che passa da 483 dell’anno scorso a 636 ricercatori (dal 7,9 al 10,2 % del totale). “Naturalmente, man mano che la Cina continentale aumenta la sua quota di ricercatori molto citati, altre nazioni diminuiscono. Dallo scorso anno, il Regno Unito ha perso lo 0,7%, la Germania lo 0,6% e i Paesi Bassi lo 0,5% delle loro quote dei ricercatori molto citati nel mondo. Altre nazioni nei primi 10 aumenti gestiti: Gli Stati Uniti avanzano dello 0,6%, l'Australia dello 0,3%, la Svizzera dello 0,3% e il Canada dello 0,2%”, osserva il Report.

I ricercatori Highly Cited che lavorano (prima o seconda affiliazione) in Italia quest’anno sono 88, contro i 91 dell’anno scorso. Come si può osservare nella tabella sotto, la maggior parte sono concentrati nel Nord Italia (almeno le università), con Milano come miglior polo accademico.

Non sono mancate nei mesi scorsi polemiche in Italia sul valore delle citazioni come strumento per catturare l’eccellenza dei ricercatori, polemiche legate soprattutto all' uso delle autocitazioni. Successive analisi quantitative hanno però confermato che questa problematica non intacca se non tangenzialmente l'appartenenze alla lista dei ricercatori molto citati. Di fatto, per il primo anno, Clarivate Analytics ha compilato la lista considerando anche il peso delle autocitazioni, ed escludendo gli autori i cui lavori molto citati rivelavano un ampio uso di autocitazioni. La quantità di esclusi si è rivelata una frazione estremamente ridotta del totale. Tuttavia il sistema resta un criterio quantitativo che certo non basta, ma costituisce quanto meno una base dati interessante per valutare ricercatori e centri di ricerca nella loro produttività scientifica di qualità.

Una curiosità: fra gli oltre 6.000 ricercatori selezionati non mancano premi Nobel. Per la precisione 23, di cui tre annunciati quest'anno: Gregg L. Semenza della Johns Hopkins University (Fisiologia o Medicina), John B. Goodenough della University of Texas at Austin (Chimica), e Esther Duflo del Massachusetts Institute of Technology (Economia). Nell'elenco di quest'anno sono inclusi anche 57 Citation Laureates; individui riconosciuti dal Web of Science Group, attraverso l'analisi delle citazioni, come potenziali destinatari del premio Nobel.

 

altri articoli

Nemmeno l'Europa prende la sufficienza in ambiente

L'Europa è il luogo dove ha preso avvio la Rivoluzione Industriale: una transizione epocale che ha catapultato l'intero pianeta verso una nuova epoca. In un battito di ciglia geologico l'umanità si è imposta come una forza globale capace di lasciare segni profondi e duraturi in tutti gli ecosistemi. Oggi la crisi climatica pone l'umanità di fronte alla necessità di una nuova transizione, ambientale, economica e sociale. Se in Europa questa transizione potrà davvero partire ed essere completata, potrà essere solo l'Europa stessa a deciderlo con le politiche che sceglierà di perseguire. Ma per ora, nonostante le ambizioni, la politica europea è troppo timida. Nell'immagine: cava di lignite a cielo aperto, Germania.

«Sebbene le politiche europee sull’ambiente e il clima abbiano contribuito a migliorare la situazione ambientale negli ultimi decenni, i progressi compiuti dall’Europa non sono sufficienti e le prospettive per l’ambiente nei prossimi dieci anni sono tutt’altro che rosee».