Pamela Boldrin

E’ dipendente presso ULSS 6 Euganea di Padova ed è membro del comitato etico per la pratica clinica. Si è laureata nel 2004 a Padova in tecniche di neurofisiopatologia. Nel 2010 ha conseguito la laurea triennale di filosofia e nel 2013 la laurea magistrale in scienze filosoche, entrambe a Ca’ Foscari, Venezia. Dal 2015 insegna, come docente a contratto, bioetica ai corsi triennali di tecniche di laboratorio biomedico e scienze infermieristiche della facoltà di medicina all’università di Padova. Ha conseguito il titolo di perfezionamento in bioetica nel 2016 presso l’università di Padova.

Le grandi pulizie durante il sonno

Tamara de Lempicka (1898-1980), "The Sleeping Girl (Kizette)", circa 1933.

Sul perché periodicamente non possiamo fare a meno di ritirarci dal mondo abbandonando momentaneamente la coscienza sul nostro caro materasso tarda ancora ad arrivare una risposta definitiva. Di una sola cosa abbiamo la certezza: la privazione assoluta del sonno dopo un certo tempo porta alla morte: e non solo noi, anche gli animali.

Quei nove mesi decisivi

Questa recensione ha un obiettivo forse un po’ inconsueto, infatti, si prefigge di dare giustizia a un libro che nella sua traduzione in italiano ha perso molta della visibilità che ha invece ottenuto in lingua originale. Origins. How the nine months before birth shape the rest of our life è stato trasformato in I nove mesi decisivi (Tecniche Nuove Edizioni, 2012). La copertina americana mostra un guscio d’uovo diviso in due metà, quella italiana illustra una donna che avvolge il suo pancione con entrambe le mani mentre lo osserva.

Cervello di mamma

A.A.A. cercasi candidata con le seguenti abilità: flessibilità cognitiva, buona memoria di lavoro, controllo dell’attenzione, multitasking, focalizzazione dei bisogni, organizzazione delle cure, capacità di interpretare le richieste del linguaggio pre-verbale e conseguente formulazione di risposte coerenti ai bisogni. Per tale posizione il compenso sarà corrisposto sotto forma di gratificazione profusa e spontanea derivante dall’esercizio delle suddette abilità nel rapporto con il beneficiario.