Tumori, il rischio di rassegnarsi se è solo «sfortuna»