Scienziati UE, la necessità di pensare oltre i confini