Lezioni dalla "Sindrome di Quirra": più epidemiologia e più prevenzione