(Optional) This text will appear in the inbox preview, but not the email body.
logo Scienza in rete Newsletter #28, 2017
a cura di Chiara Sabelli
il meglio della scienza della settimana
logo_newsletter
Leggi online la Newsletter #28, 2017
Cari lettori, con questa ultima newsletter Scienza in rete vi augura buone vacanze.

Arrivederci a settembre,
la redazione
RADIAZIONI
Il gruppo di lavoro di Safecast. Credit: Safecast.
Il gruppo di lavoro di Safecast. Credit: Safecast.

Giancarlo Cinini ha incontrato Azby Brown, designer, e Joe Moross, Ingegnere, tra gli ideatori del progetto di scienza partecipata Safecast. Subito dopo il terremoto e lo tsunami che colpirono la centrale nucleare di Fukushima l'11 marzo 2011, emerse la necessità di raccogliere dati affidabili e capillari sul livello delle radiazioni nella zona. Così è nato SAFECAST che distribuisce contatori geiger ai cittadini che intendono partecipare al progetto. Questi li assemblano e poi condividono i dati su una piattaforma on-line. E oggi SAFECAST ha raccolto dati in diverse zone del Pianeta. Le mappe sono tutte consultabili on-line. [Scienza in rete; Giancarlo Cinini]

La video intervista di Anna Lombardi e Emma D'Orto ai due ideatori di Safecast, Azby Brown e Joe Moross, in occasione del "Workshop on environmental mapping” organizzato dall' Abdus Salam International Center for Theoretical Physics (ICTP) di Trieste. [Scienza in rete; Anna Lombardi e Emma D'Orto]

Di radiazioni ha parlato anche Claudio Elidoro. Ma si tratta, in questo caso di radiazioni cosmiche, quelle a cui sono esposti gli astronauti durante le missioni spaziali. È ben noto il ruolo delle radiazioni ionizzanti nella carcinogenesi. Due studi recenti, pubblicati su Scientific Reports, hanno evidenziato nuovi effetti dell'esposizione alle radiazioni cosmiche, in particolare se di lunga durata. Da una parte sono stati osservati danni neuronali anche sei mesi dopo l'esposizione, dall'altra i ricercatori hanno scoperto che le radiazioni non danneggiano solo le cellule che colpiscono direttamente, ma anche quelle circostanti. [Scienza in rete; Claudio Elidoro]
PROTEGGERE L'AMBIENTE
Il delta del Niger sacrificato per i
              petro-dollari. Credit: BENEDICTE KURZEN / NOOR POUR LE MONDE.
Gli effetti dell'estrazione e raffinazione del petrolio sul delta del Niger. Credit: BENEDICTE KURZEN / NOOR POUR LE MONDE.
La zona del delta del Niger è tra le più inquinate del pianeta a causa dell'estrazione e raffinazione del petrolio che va avanti dal 1956. Il governo ha stimato che tra il 1970 e il 2000 ci sono state oltre 7000 perdite per un totale di 2 milioni di metri cubi di rifiuti tossici sversati. Le foreste di mangrovia, tra le più grandi di tutta l'Africa, sono coperte di un velo nero e le acque, un tempo pescose, non riescono più a dare sostentamento alle popolazioni di pescatori locali. Molti di questi hanno avviato delle raffinerie artigianali, illegali, che lavorano il greggio rubato dagli oltre 3000 km di oledotti delle multinazionali del petrolio, tra cui la Shell. Il governo annuncia ora un piano di decontaminazione, tra i più ambiziosi mai pianificati. Funzionerà? [Le Monde; Benedicte Kurzen e Joan Tilouaine]

In un discorso pronunciato al WWF venerdì scorso 21 luglio, Micheal Gove, nuovo ministro dell'ambiente del governo May, ha affermato che la Brexit non comprometterà le politiche di protezione ambientale in Gran Bretagna e che al contrario sarà l'occasione per mettere la questione ecologica al centro del processo di uscita dall'Unione Europea. Gove, uno tra i maggiori sostenitori della Brexit, si è definito un ambientalista perché ha a cuore prima di tutto il destino degli animali e in secondo luogo l'economia britannica. Alle parole seguiranno i fatti? [Independent; Ashley Cowburn]

Martedì 25 luglio il governatore della California Jerry Brown ha firmato una nuova legge che espande il programma cap and trade sulle emissioni di gas serra. Questa norma fa parte dell'ambizioso piano di riduzione delle emissioni da parte dello Stato fino al 40% dei livelli del 1990 entro il 2030. Il piano prevede inoltre tagli alle emissioni di metano e idrofluorocarburi, sfruttamento delle energie rinnovabili e chiusura delle centrali nucleari, sostituzione dei veicoli a benzina con quelli elettrici, trasformazione del sistema di trasporto urbano, normativa più severa sull'efficienza energetica degli edifici. L'esperienza della California ha un valore simbolico, testimonia che la decisione di Trump di abbandonare l'accordo di Parigi non interrompe l'impegno degli Stati Uniti contro il cambiamento climatico. In più è un banco di prova: può uno stato intraprendere un programma così ambizioso senza sacrificare la sua economia? [The New York Times; Brad Plumer]
ETICA DELLA SCIENZA E POLITICA DELLA RICERCA
Antonino Zichichi. Credit:
	       il Giornale.
Antonino Zichichi. Credit: il Giornale.

L'appello contro le eco-bufale e i terroristi del cambiamento climatico, pubblicato il 5 luglio scorso su Il Giornale, portava la firma di Antonino Zichichi e venti fisici. Ma i venti firmatari erano davvero consapevoli di ciò che avevano sottoscritto? Dall'inchiesta di Climalteranti sembra proprio di no. [Climalteranti; Comitato Scientifico di Climalteranti e Antonello Pasini]

Il 21 luglio Michael Matlosz ha rassegnato le dimissioni dalla posizione di direttore dell'Agence National de la Recherche (ANR). La sua decisione segue un lungo periodo di polemiche sul suo operato, sia interne all'agenzia che esterne. In particolare sono state contestate le riforme introdotte nel processo di valutazione dei progetti scientifici candidati per ricevere i finanziamenti pubblici. La notizia segue di poco la decisione del neo-insediato governo di Emmanuel Macron di tagliare circa 300 milioni di euro dai fondi per l'università e la ricerca, rendendo l'obiettivo di destinare il 3% del PIL alla ricerca per ora irraggiungibile. [Science News; Elisabeth Pain]

Nei prossimi cinque anni la Cina lavorerà per diventare a tutti gli effetti una super-potenza nella ricerca scientifica che riguarda lo spazio. Se all'inizio gli sforzi cinesi si sono concentrati più sull'ingegneria che sulla ricerca, il lavoro della Chinese Academy of Sciences ha permesso alla Cina di ottenere risultati scientifici importanti e di entrare a far parte di collaborazioni internazionali. Il governo ha finanziato con oltre 730 milioni di dollari il programma spaziale dei prossimi cinque anni e contemporaneamente la Chinese National Space Agency guiderà il progetto Enhanced X-ray Timing and Polarimetry, che ha ottenuto una parte dei fondi dai partner europei. Quello che sembra mancare è un impegno a lungo termine da parte del governo cinese. [Nature; Jane Qiu]
MISCELLANEA
Benny Wasserman e altre persone mascherate da Albert Einstein nel tentativo di vincere il Guinness dei primati per il più grande raduno di finti Einstein, Los Angeles (2015). Credit: Reuters.
Benny Wasserman e altre persone mascherate da Albert Einstein nel tentativo di vincere il Guinness dei primati per il più grande raduno di finti Einstein, Los Angeles (2015). Credit: Reuters.
Nel suo ultimo llbro 'Il coworking della relatività' Elena Rinaldi descrive le personalità dei matematici che contribuirono a formulare la teoria della relatività. Massimo Ottone lo ha letto per noi. [Scienza in rete; Massimo Ottone]

'Quando l'allievo supera il maestro' è il titolo dell'ultimo libro di Bruno D'Amore pubblicato da Edizioni Dedalo ad agosto del 2016. Il racconto, nella forma di un romanzo storico, descrive la storia di cinque coppie allievo-maestro di scienziati e artisti. L'autore, basandosi su un'accurata documentazione, cerca di ricostruire le reazioni dei maestri nel vedersi superati dai loro allievi. La recensione di Marco Taddia. [Scienza in rete; Marco Taddia]

Iniettando nel cervello di topi adulti cellule staminali neurali prelevate dall'ipotalamo di topi neonati, un gruppo di ricercatori americani ha osservato una decelerazione del processo di invecchiamento. I risultati di questi studi sono pubblicati sull'ulitmo numero di Nature. [Nature; Sara Reardon]
Segui Scienza in rete
logo facebook logo twitter logo youtube logo soundcloud
Per iscriverti alla newsletter clicca qui
Con il sostegno di:
logo intesa