Facciamo luce sull’Universo…

Read time: 2 mins

Agli inizi dell’astronomia gli uomini hanno potuto osservare e studiare solo gli astri che emettono radiazione a cui il nostro occhio è sensibile: la luce.

Così come per quanto riguarda il suono, il nostro orecchio è sensibile solo ad alcune frequenze, mentre alcuni animali, ad esempio delfini e pipistrelli, ne percepiscono anche altre, allo stesso modo, oltre alla radiazione luminosa, che l’occhio vede, esistono radiazioni che riusciamo a percepire solo con appositi strumenti, ad esempio i radiotelescopi.
L’atmosfera terrestre costituisce però uno schermo per la maggior parte delle radiazioni non visibili. Attualmente, grazie alla conquista spaziale, è stato possibile osservare il cielo al di là dell’atmosfera terrestre, ricavando nuove informazioni.

Le immagini che seguono mostrano la stessa galassia, Centaurus A, vista in base alle diverse radiazioni: a sinistra, utilizzando strumenti sensibili a raggi X, in centro, con radiazione visibile, a destra, l’immagine è stata ottenuta tramite radiotelescopio. La prima e l’ultima immagine ottenuta sono in falsi colori: si associa ad un diverso livello di intensità di radiazione un diverso colore.

Enormi getti di materia sono visibili solo osservando la galassia in X e radio: il meccanismo alla base della loro creazione e la loro composizione sono tuttora argomento di forte dibattito, ma l’analisi dell’Universo con radiazioni diverse dal visibile ne permettono lo studio.
Ancora, se avessimo la possibilità di osservare il cielo rivelando la radiazione gamma (più energetica dei raggi X) con i nostri occhi, potremmo verificare come ogni giorno nel cielo appaia una sorgente nuova, così energetica da abbagliarci, e che dopo pochi secondi, sparisce nel nulla. Sono i gamma ray burst, gli oggetti più energetici dell’Universo, probabilmente generati dall’accrescimento di materia su un buco nero.

Per chi volesse seguire in tempo reale la caccia ai lampi gamma, è disponibile l’app della NASA Swift, che invia un’allerta ad ogni nuovo lampo.

Buona esplorazione dell’Universo invisibile!

 di Anna Camisasca

altri articoli

Giovani e innovazione, ma niente ricerca per la commissaria

Mariya Gabriel, politica bulgara, è la nuova Commissaria "per l'Innovazione e la Gioventù". Il riferimento diretto alla ricerca è sparito. Un segnale inquietante della tendenza europea a privilegiare la ricerca applicata e industriale su quella di base, probabilmente confidando che a quella penseranno gli Stati nazionali. Riempiangeremo Carlos Moedas? (Credit: Christian Creutz).

Mariya Gabriel subentrerà a Carlos Moedas e a Tibor Navracsics, commissari uscenti rispettivamente per “Ricerca, scienza e innovazione” e “Istruzione, cultura, giovani e sport”. Il titolo della nuova Commissaria è per "Innovazione e giovani": ma che fine ha fatto la ricerca? E i riferimenti a cultura e istruzione? Ci si può chiedere se si tratti di una svista, ma sono in molti, tra università, umanisti e scienziati, a dubitarne e a essere fortemente critici su questa scelta politica. Ammesso che il solo accorpamento di due deleghe in una significhi necessariamente una diminuzione sostanziale dei costi, rimane la questione che riguarda l'effettiva limitazione di contenuti non certo di poco conto. Anche perché già da tempo si sente parlare dei grandi obiettivi raggiungibili solo attraverso una stretta collaborazione tra il settore industriale e quello della ricerca scientifica, che pian piano si è ridotto alla sola ricerca applicata. Il rischio è che l'Europa si stia concentrando su una visione semplificata del nesso ricerca-sviluppo, mentre ci si aspetterebbe invece un rilancio di cultura, scienza e istruzione, motori senza i quali l'innovazione rischia di girare a vuoto