La ricerca non è un limone. Smettetela di spremerla

Read time: 4 mins

Il Consiglio Europeo dello scorso 18 dicembre ha chiesto l’istituzione di un Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) nell’ambito del Gruppo BEI (Banca europea per gli investimenti) con l’obiettivo di mobilitare 315 miliardi di euro di nuovi investimenti “per la crescita” nel triennio compreso tra il 2015 e il 2017.
Il Consiglio ha accettato il piano del presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, che ha almeno due punti deboli.

Primo: il Fondo dispone al momento di soli 21 miliardi di euro, 5 messi a disposizione dalla BEI e 16 ricavati dal budget della Commissione. In pratica il Fondo reale dispone, almeno per ora, solo del 6,7% rispetto a quanto annunciato. Troppo poco. Sia perché non è chiaro come saranno recuperati gli altri 294 miliardi promessi. Sia perché 21 miliardi (ma c’è chi dice anche 315 miliardi) sono una goccia che difficilmente riuscirà a creare onde significative nel mare stagnante di un’economia da 12.000 miliardi di euro, qual è quella dei 28 paesi dell’Unione.
Il secondo punto debole riguarda il pozzo dove saranno recuperati 2,7 dei 16 miliardi di euro da ricavare dal budget dell’Unione. Il piano Juncker prevede che quei 2,7 miliardi siano sottratti a Horizon2020, il programma di investimenti in ricerca e sviluppo che l’Unione si è data per il periodo 2014-2020.
Il taglio, annunciato da alcuni mesi, ha suscitato le proteste di importanti istituzioni scientifiche europee.
Già il 4 dicembre scorso Sierd Cloetingh, presidente dell’Academia Europaea, in una lettera appello alle autorità comunitarie aveva espresso le sue vive preoccupazioni per la piccola ma dolorosa sforbiciata. E in precedenza, lo scorso 26 novembre, la League of European Research Universities (LERU) era stata ancora più dura, rilasciando un comunicato stampa dal titolo decisamente perentorio: «Horizon2020 is not a lemon! Stop squeezing it!», Horizon2020 non è un limone! Smettetela di spremerlo.

Si dirà: queste reazioni sono un po’ sopra le righe. Frutto di un’isteria corporativa. In fondo il prelievo è poca cosa. Rappresenta lo 0,02% del Pil (Prodotto Interno Lordo) dell'Unione Europea; lo 0,9% del previsto Fondo europeo per gli investimenti strategici e anche rispetto al budget complessivo di Horizon2020 non va oltre il 3,8%.
Eppure queste proteste appaiono giustificate. Non solo e non tanto per la quantità dei fondi sottratti alla ricerca europea. Ma anche e soprattutto per il messaggio intrinseco che il prelievo lancia. Se la presidenza della Commissione Europea e il Consiglio Europeo per allestire un fondo di investimenti per la crescita tagliano il budget per la ricerca e lo sviluppo evidentemente ritengono che quella per la scienza e lo sviluppo tecnologico sia una spesa e non un investimento.

Un messaggio che non è solo sbagliato. Ma è del tutto fuorviante: tale da rischiare di far deragliare l’incerto treno europeo. Che il messaggio sia sbagliato è la storia economica recente e non solo recente del mondo intero e della stessa Europa a dimostrarlo. Non c’è nessun investimento più produttivo nel lungo, medio e persino breve termine di quello in ricerca scientifica e sviluppo tecnologico. Tagliare quei 2,7 miliardi dal budget di Horizon2020 significa dunque distogliere soldi da una paniere sicuro e metterli in un paniere incerto. Un errore, appunto.
Ma l’errore è tanto più grave perché riguarda la politica strategica e, dunque, il futuro stesso dell’Europa. Viviamo nell’era della conoscenza. Il mondo va sempre più verso un’economia fondata sull’innovazione tecnologica figlia della ricerca scientifica. Sono anni che l’Europa dice di esserne consapevole, fin dal libro bianco di Jacques Delors trasformato in strategia politica – la “strategia di Lisbona” – proprio da un Consiglio Europeo tenuto nell’anno 2000 nella capitale portoghese. Ma in tutto questo tempo l’Europa invece di seguire le indicazioni che lei stessa si è data – diventare leader planetario dell’economia della conoscenza – ha perso terreno rispetto ad altre aree del mondo (il Nord America, l’Asia orientale).

E ora che si trova nel pieno di una crisi senza precedenti rinnega anche sul piano teorico l’antica strategia, l’unica che può portarla fuori dal guado. Per quanto piccolo, quel taglio a Horizon 2020 dimostra che l’Europa sta affrontando la crisi con scarsa lucidità e un’inconcludente frenesia. Non è quanto sarebbe lecito aspettarsi da un continente che per almeno tre secoli ha fondato sulla scienza e sulla capacità di innovazione la sua leadership culturale e ed economica.

 

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.