Predire la felicità con un’equazione matematica

Read time: 3 mins

Quanto vi sentite felici in una scala da 1 a 10? E se questa domanda vi venisse posta mentre state prendendo delle decisioni pensate che la vostra risposta cambierebbe? E come influirebbero le conseguenze delle decisioni sul vostro stato d’animo? La risposta in uno studio condotto dalla UCL e pubblicato su PNAS: la felicità non dipende da quanto stanno andando bene le cose in questo momento ma piuttosto dal fatto che stanno andando meglio o peggio del previsto.

Gli avvenimenti che accadono durante la nostra vita possono modificare la nostra felicità in positivo o negativo e questo è un dato di fatto. Quello che finora non si sapeva esattamente è quanto si sentono felici le persone mentre prendono decisioni e prendono atto delle conseguenze di queste decisioni.
La felicità è un concetto difficile da definire e la relazione complessa che esiste tra la felicità e il benessere suggerisce che non esiste una relazione semplice nemmeno tra felicità e ricompensa. Proprio per questo i ricercatori hanno deciso inizialmente di concentrarsi solo sulle recompense in quanto fattori quantificabili.
Sono stati scelti 26 partecipanti che dovevano prendere delle decisioni, 150 in tutto. Alcune decisioni avevano risultati certi, altre erano “rischiose” ovvero potevano portare tanto un guadagno quanto una perdita. Tutti i partecipanti partivano con un capitale di 20 dollari e al termine delle 150 decisioni portavano a casa quanto avevano guadagnato.
Ogni due o tre scelte veniva chiesto loro quanto ti sentissero felici e questi dovevano spostare un cursore su una barra per indicare lo stato di felicità in quel dato momento.

Per prima cosa è emerso che la felicità non dipendeva in modo univoco dalle ricompense. Per esempio i soggetti che avevano guadagnato 28 dollari oltre i 20 di partenza se durante le singole domande del test mostravano di aver aumentato la loro felicità, in generale dall’inizio alla fine dell’esperimento non mostravano miglioramenti nel loro stato d’animo.
Così i ricercatori hanno cominciato a ipotizzare un legame della felicità non con la ricompensa ma con l’aspettativa e, soprattutto, con quanto il risultato delle decisioni andava oltre le aspettative dei partecipanti.
A partire dai dati, non solo quelli ottenuti tramite il test decisionale ma anche quelli dell’attività cerebrale dei partecipanti registrata tramite risonanza magnetica funzionale, gli scienziati hanno realizzato un modello matematico.
Il modello è stato infine testato su 18 420 persone attraverso il gioco “What makes me happy?”, cosa mi rende felice?, distribuito con una app per smarthpone, sviluppata sempre dalla UCL e chiamata “The great brain experiment”.

Il risultato? Sembrerebbe che il consiglio che spesso ci sentiamo ripetere, ovvero quello di abbassare le nostre aspettative abbia un fondo di verità. Aspettative minori, infatti, aumentano la probabilità che il risultato di una nostra decisione sia migliore di quanto ci aspettiamo e questo ha un impatto positivo sulla nostra felicità momentanea.
Il modello matematico si è rivelato molto accurato: “il gioco ha mostrato che la nostra semplice equazione si applica correttamente a migliaia di persone sparse in giro per il mondo e questo dimostra che il nostro approccio a questo genere di problemi ha un grande potenziale.” A dirlo è stato Robb Rutledge del UCL Welcome Trust Centre for Neuroimaging e Max Planck UCL Centre for Computational Psychiatry and Ageing, primo autore dello studio.
Il tutto potrebbe sembrare un gioco curioso e fondamentalmente inutile ma, secondo gli scienziati, quantificare gli stati soggettivi delle persone in modo matematico potrebbe aiutare i medici a capire meglio i disordini dell’umore e questo a sua volta potrebbe portare allo sviluppo di farmaci più efficaci.

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.