L’eredità scientifica di Lula

Read time: 3 mins

Il nuovo presidente del Brasile, la signora Dilma Rousseff, riceve una ricca eredità scientifica da parte del suo predecessore e mentore, Luis Inacio Lula da Silva. Perché mai la scienza ha vissuto una stagione di sviluppo così rigogliosa, in termini assoluti e in termini relativi, come negli otto anni di presidenza Lula.

Gli investimenti in ricerca e sviluppo sono più che raddoppiati, essendo passati, secondo i dati pubblicati di recente dalla Nature, dagli 11,4 miliardi di dollari del 2003 – pari all’1,26% del Prodotto interno lordo (Pil) – ai 22,5 miliardi di dollari del 2008: una cifra pari all’1,43% del Pil. Un’intensità di ricerca che è ormai prossima a quella dell’Unione europea (1,69% di investimenti in R&S rispetto al Pil).

D’altra parte oggi il Brasile investe in ricerca scientifica e tecnologica più dell’Italia, non solo in termini relativi (la spesa italiana non supera l’1,1% del Pil), ma anche in termini assoluti (gli investimenti italiani ammontano a circa 19 miliardi di dollari).

Da notare che la crescita degli investimenti in ricerca in Brasile è stata superiore alla crescita del Pil, che pure è aumentato a un ritmo elevatissimo, in media del 5 o -6% annuo, in questo periodo.

Inoltre il Brasile può contare su un numero di ricercatori altrettanto significativo: 118.000 nel 2007 secondo i dati dell’UNESCO (l’Italia, secondo la stessa UNESCO, ne ha 88.000). I brasiliani costituiscono l’1,7% del totale dei ricercatori di tutto il mondo. Ma producono oltre il 2% degli articoli scientifici. Sono, dunque, più produttivi della media mondiale.

Gli scienziati brasiliani si sono dimostrati all’altezza delle aspettative: sono diventati più ricchi – le risorse per ricercatore sono superiori a quella dei colleghi cinesi e anche di buona parte dei colleghi europei – ma anche, appunto, più produttivi: il numero di articolo pubblicati in un anno dagli scienziati carioca, infatti, è passato dai 14.237 del 2003 ai 30.415 del 2008. Sono dunque più che raddoppiati in sei anni. Cosicché se nell’anno 2000 la scienza brasiliana esprimeva il 43% di tutte le pubblicazioni con peer-review dell’America latina, oggi esprime il 55%.

Non mancano alcune ombre, naturalmente. La gran parte della ricerca (oltre il 51%) continua a essere finanziata dallo stato, a differenza delle altre grandi economia dove, in genere, il soldi pubblici rappresentano solo un terzo della ricerca scientifica e dello sviluppo economico. Ma questa difficoltà a sviluppare la ricerca nel settore privato non può essere certo ascritto solo al governo.

Un ambito dove gli scienziati hanno dato un aiuto tangibile al presidente è quello ecologico. È anche grazie a loro, infatti, che il tasso di deforestazione dell’Amazzonia è diminuito dell’85% rispetto al picco del 2005.

Il Brasile ha un’antica attitudine per la scienza. Nella costituzione dello stato di San Paolo redatta nel 1947 è previsto, per esempio, che l’1% di tutte le risorse pubbliche siano destinate alla ricerca. Ma il presidente Lula ha dato un contributo personale decisivo. Sia per le sue scelte strategiche: lo sviluppo del Brasile, ha sostenuto con convinzione, deve avvenire nell’ambito dell’economia della conoscenza. Sia per le scelte coerenti degli uomini che devono incarnare questa politica: lo sviluppo della scienza in Brasile ha avuto un’impennata a partire, in particolare, dal 2005, quando Lula ha chiamato al Ministero della ricerca il fisico teorico Sérgio Rezende.

Non capita a tutti i governi di avere un presidente che, mentre è in carica, scrive sullo Scientific American, la più importante rivista di divulgazione del mondo, come ha fatto Lula nel 2008. E di avere un ministro della ricerca che pubblica, mentre è in carica, sulle Physical Review Letters, come ha fatto Rezende con un articolo sulla spin-wave theory.

Pubblicato su Newton, dicembre 2010

altri articoli

Cosa chiedono gli studenti di medicina ai candidati

Il Segretariato italiano studenti di medicina fa parte dell’International Federation of Medical Students’ Association, che rappresenta 312.324 studenti di medicina da tutta Europa e di fatto rappresenta il futuro dei professionisti della sanità. Tutti i membri hanno a cuore la sanità e il loro voto dipenderà fortemente dai piani dei candidati in questo ambito. Nel testo che segue abbiamo evidenziato i punti più importanti per gli studenti di medicina europei in modo da promuovere il dibattito che li riguarda fra i candidati al nostro parlamento comunitario