L’ANVUR: si parte. Finalmente!

Read time: 3 mins

Signori, si parte. Cinque anni dopo la sua costituzione, l’ANVUR – l’Agenzia Nazionale di Valutazione del sistema Universitario e della Ricerca – ha pubblicato lo scorso 7 novembre il bando per la «Valutazione della Qualità della Ricerca 2004-2010 (VQR 2004-2010). Un passo importante, auspicato anche dal Gruppo 2003 nei suoi sette suggerimenti al neopresidente del Consiglio Mario Monti (vedi editoriale).

Lo screening coinvolgerà 65.000 tra docenti universitari (circa 57.000) ricercatori degli Enti pubblici di ricerca (circa 8.000) e valuterà 216.000 prodotti (articoli scientifici, libri, review, brevetti e altro). Sarà un lavoro enorme, che impegnerà oltre 450 esperti in un processo che si concluderà tra un anno e mezzo abbondante, il 30 giugno 2013, con la pubblicazione di un Rapporto Finale. Il costo dell’operazione è di 5 milioni di euro.

Lo scopo non è quello di dare un voto ai singoli operatori dell’intero settore pubblico dell’alata educazione e della ricerca scientifica, ma di valutare le strutture: università, dipartimenti universitari, istituti di ricerca). La valutazione dovrebbe poi essere la base per una politica di finanziamento dell’università e della ricerca non fondata più unicamente sul metodo a pioggia, ma anche sul merito. Ai più bravi dovrebbero andare più soldi.

Il meccanismo di valutazione è imponente. A tratti farraginoso. In alcuni punti, controverso. In altri, forse, sbagliato in linea di principio. Ciò non toglie che l’annuncio di pubblicazione del bando debba essere accolto con un chiaro «Finalmente!».

Scienzainrete e il Gruppo 2003 hanno da sempre considerato essenziale stabilire chiari criteri di merito nel sistema universitario e della ricerca italiana. E dunque i motivi del «Finalmente!» sono noti ai nostri lettori.

Conviene allora prendere in considerazione il “discorso sul metodo”. Come avverrà la valutazione? Il bando è chiaro. Sono state individuate 14 aree disciplinari, ciascuna delle quali potrà contare su un numero di Esperti della Valutazione compreso tra un minimo di 9 (area “Scienze della Terra”) e un massimo di 79 (area “Scienze mediche”).

Questa struttura – GEV, Gruppo di Esperti della Valutazione (a proposito, come e da chi verranno scelti?) – prevede la partecipazione anche di alcuni referees non italiani e prenderà in esame un certo numero di “prodotti” (articoli su riviste scientifiche, libri, capitoli di libri, atti di congressi, edizioni critiche, traduzioni, commenti scientifici, brevetti, composizioni varie) realizzati dai “soggetti” da valutare: ricercatori (a tempo determinato e indeterminato), assistenti, professori associati e professori ordinari delle università; ricercatori e tecnologi degli Enti pubblici di ricerca.

Ciascuno dei “soggetti” – ahi, il linguaggio burocratico – dovrà presentare un numero definito di “prodotti”: i docenti universitari ne dovranno presentare 3, i ricercatori “senior” degli Enti pubblici 6. La differenza è dovuta al fatto che nelle università la ricerca è una parte del lavoro, l’altra parte è la didattica. E, dunque, la valutazione scientifica di un docente universitario è solo la metà della sua valutazione complessiva.

Alla fine la somma dei risultati ottenuti dai singoli ricercatori consentirà una valutazione credibile e comunque oggettiva di università, dipartimenti e istituti di ricerca.

Ciascun “prodotto” sarà sottoposto a una serie di valutazioni: sia di tipo bibliometrico (per esempio numero di citazioni ottenute da un articolo scientifico) sia di peer review.

La valutazione fondata su indicatori bibliometrici suscita molte perplessità, soprattutto (ma non solo) negli ambienti umanistici. In questo ambito disciplinare, infatti, la valutazione secondo criteri bibliometrici è meno affidabile e meno collaudata.

Ma ci sono critiche anche sul processo di peer review. Infatti verranno valutate di nuovo articoli che hanno già superato un processo internazionale di referaggio. È possibile che, su un certo numero di casi, ci siano divergenze. Ma è giusto ripetere con commissioni prevalentemente italiane un processo che è giunto già a buon fine con commissioni internazionali? Si può considerare più affidabile una peer review “italiana” rispetto a una peer review internazionale?

Ancora: cosa succederà se qualcuno tra i tanti attori – ricercatori, valutatori, università. Enti - non rispetterà i tempi?

In definitiva, non mancano le questioni aperte. Ma la presenza di tutte queste domande legittime – e altre ancora – non devono far dimenticare che la valutazione dell’università e della ricerca italiana è partita. Finalmente! 

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.