Come modernizzare l’università italiana?

Read time: 3 mins
Concordo in pieno con l'Editoriale di Alberto Mantovani dell'11 giugno: la mancata internazionalizzazione dell'Università italiana è un problema da non sottovalutare. Mi spingerei a dire che rischia di diventare uno dei suoi problemi principali.

Prendiamo ad esempio l'acceso dibattito che si è scatenato in tutta Europa sul deludente posizionamento delle università europee (eccezion fatta per quelle britanniche e olandesi) nei principali ranking internazionali. In Italia, la pubblicazione di questi ranking è stata l'ennesima occasione per denigrare il nostro sistema universitario [1], accusandolo di scarsa produttività scientifica. Ma guardiamo con attenzione i dati presentati nella Tabella che segue.

Tabella 1 | Numero di atenei dei vari paesi presenti nei ranking internazionali (tra parentesi percentuale sul totale degli atenei nazionali)

 Shanghai (ARWU) (Top 500)Times-QS (Top 500)Leiden ranking1 (Top 250)Taiwan (Top 500/ Top 100)
Italia22 (28.6%)14 (18.2%)31 (40.3%)29/ 2 (37.7%)
Francia23 (27.7%)23 (27.7%)23 (27.7%)21/ 1 (25.3%)
Germania40 (38.5%)42 (40.4%)45 (43.3%)43/ 2 (41.3%)
Olanda12 (92.3%)11 (84.6%)12 (92.3%)12/ 4 (92.3%)
Spagna9 (12.3%)8 (11.0%)18 (24.7%)12/ 1 (16.4%)
Regno Unito42 (35.9%)50 (42.7%)37 (31.6%)37/ 7 (31.6%)
USA159 (-)103 (-)-- (-)163/ 60 (-)

Questi dati ci mostrano che la percentuale di università italiane presenti nelle quattro principali classifiche dei primi 500 atenei del mondo o dei primi 250 atenei europei è sempre superiore a quella delle università spagnole e, tranne che nel ranking del Times, anche di quelle francesi. Nei più recenti ranking di Taiwan e di Leiden, che più degli altri pesano la produttività scientifica, la percentuale di università italiane presenti è addirittura superiore anche a quella delle università inglesi e molto vicina a quella delle tedesche. Certo, questo dato tiene conto solo del numero di atenei presenti in questi ranking, indipendentemente dalle loro posizioni relative nella lista dei top 500 o 250; non misura quindi le eccellenze, ma costituisce un indicatore della qualità media delle università dei vari paesi. E da questo punto di vista la situazione italiana è molto simile a quelle tedesca e francese: a differenza che in Gran Bretagna o negli USA, dove è elevato il numero di atenei presenti fra i primi 100 ma non lo è la percentuale di quelli presenti fra i primi 500, in Italia, come in Francia e in Germania, non vi sono top universities di livello internazionale ma la qualità scientifica media del sistema risulta elevata.

La scarsa competitività delle università italiane non risiede dunque in una bassa produttività scientifica ma in una insufficiente internazionalizzazione. Questo emerge piuttosto chiaramente nel ranking del Times Higher Education Supplement, che è quello con maggiore impatto sui media e che più penalizza l’Italia: se scomponiamo gli indicatori di cui si serve per stilare le sue classifiche (v. grafico di seguito), possiamo capire meglio quali sono i punti di forza e di debolezza del nostro sistema universitario.

punteggi medi per nazione

Da questa disaggregazione appare evidente che il vero svantaggio delle università italiane non risiede nella qualità della ricerca (gli indici su peer review e citazioni medie per docente sono infatti buoni), ma nella bassissima capacità di attrarre studenti e docenti stranieri, oltre che nel pessimo rapporto numerico tra docenti e studenti (un fattore quest’ultimo che dipende esclusivamente dalla bassa spesa per l’istruzione terziaria).
Per modernizzare veramente l’università italiana, dunque, è da qui che dobbiamo partire.

Bibliografia

[1] Si veda M. Regini (a cura di), Malata e denigrata. L'università italiana a confronto con l'Europa, Donzelli, 2009

Articoli correlati

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #101

È entrata in vigore il 20 maggio, in occasione del World Metrology Day, la nuova definizione del chilogrammo, basata non più sul campione di platino-iridio depositato al Bureau international des poids et mesures a Parigi bensì sulla costante di Planck ℏ. La nuova definizione garantirà la stabilità di questa unità di misura, che finora doveva essere aggiornata ogni volta che il campione di platino-iridio si deteriorava e il suo peso cambiava di conseguenza. Ora il valore del chilogrammo è legato a una costante della natura misurata con estrema precisione e che non cambierà di valore. Ma come è legata la misura del chilogrammo alla costante di Planck? Per capirlo bisogna scendere nei sotterranei del National Institutes of Standards and Technology a Gaithersburg nel Maryland per vedere la bilancia di Watt, o Kibble balance. Nell'immagine: la NIST-4 Kibble balance. Credit: J.L. Lee / NIST.

Curare l'obesità con la chirurgia

La chirurgia bariatrica è lo strumento più efficiente per curare i casi gravi di obesità, eppure solo l'1% degli statunitensi che ne trarrebbero beneficio si sottopone a questo tipo di interventi. I sondaggi mostrano, infatti, che la maggioranza considera la chirurgia bariatrica pericolosa o poco efficace. Tuttavia, sono ormai numerosi gli studi scientifici che mostrano che i benefici superano abbondantemente i rischi. Non tutti gli interventi sono uguali, però.