L'universo di Brera

Read time: 3 mins
Anteprima: 
In occasione dell’Anno Internazionale dell’Astronomia, Osservatorio Astronomico di Brera e l’Accademia di Belle Arti di Brera promuovono a Milano, fino al 15 ottobre, una esposizione di opere sul tema dell’Universo.
Miniatura: 

In occasione dell'Anno Internazionale dell'Astronomia, Osservatorio Astronomico di Brera e l'Accademia di Belle Arti di Brera promuovono a Milano, fino al 15 ottobre, un'esposizione di opere sul tema dell'Universo. L'originalità della mostra sta nel fatto che vi sono presentate opere realizzate in seguito ad un corso di astronomia, curato da Angelini, Sandrelli e Trini, a cui hanno partecipato oltre duecento studenti e una trentina di docenti dell'Accademia di Belle Arti.

L'effetto è palpabile, e ci fa riflettere su quanto la nostra sfera emozionale possa essere toccata, se non trasformata, dall'acquisizione di nozioni apparentemente "fredde". Nel percorso espositivo, difatti, è possibile cogliere una evoluzione dell'idea intima di Universo, di quell'Universo dentro a cui il titolo della mostra rimanda.

Molte le emozioni che da sempre ci offre il cielo: dallo stupore infantile, a cui mi rimanda Gli occhi conficcati di Marrocco, alla vertigine del viaggio nello spazio sospeso, che in me suscita Otto secondi di Bucciarelli, dal fascino verso le silenziose terre "aliene", racchiuso nel Meteorite di Mariani, alla strisciante sensazione di essere soggetti all'eterna e onnipotente regolarità delle costellazioni, a cui mi fa pensare l'omonima opera di Venuto. Ma questi temi, che sembrano quasi innati nell'uomo, acquistano un nuovo sapore, nuove chiavi di espressione nelle opere realizzate successivamente al suddetto corso di astronomia, in cui alcuni astronomi dell'Osservatorio, coinquilini degli artisti di Brera, hanno cercato di trasmettere alcuni tra i principali risultati della ricerca astronomica contemporanea.

E così per esempio le immagini di Cobe, il satellite lanciato dalla NASA per misurare la radiazione cosmica di fondo, sembrano aver trovato un terreno fertile nel cuore degli studenti/artisti, se si osservano Nastri nello spazio di Ceccarelli, o "Senza titolo" di Esposito. E anche i concetti teorici, dalla materia oscura alle molte dimensioni ("Mondi possibili" di Balzelli) sembrano essere riusciti ad impressionare le tele esposte.  Da segnalare anche "Senza titolo" di Grassi, che a me pare cogliere molto bene il ruolo centrale e problematico che in astronomia ha lo strumento di osservazione della realtà, che la rovescia, la proietta, la deforma, ma permette di studiare oltre i confini della sensibilità umana.

Due commenti finali. Il primo: un foro nel pavimento, riempito di sabbia per evitare inciampi, è divenuto esso stesso "opera" artistica, attraendo le impronte dei visitatori, che si sentono novelli astronauti chiamati a colonizzare pianeti ancora intonsi.

Il secondo: è nota l'influenza che sugli astronomi del XIX secolo ebbe una formazione di tipo artistico, tanto che moderne ricerche evidenziano tra quelli una importante percentuali di pittori o parenti di pittori. Questo può apparire scontato in un'epoca in cui la fotografia ancora non veniva utilizzata in campo astronomico. Eppure sono convinta che ancora oggi, nell'epoca della specializzazione, un corso complementare a quello raccontato da questa mostra potrebbe fornire agli astronomi di Brera nuove parole, con cui continuare a raccontare l'avventura dell'Universo.  

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.