L'etica del soldato robot

Read time: 3 mins


Robot Talon in azione

L'uso di sistemi robotici in ambito bellico è una realtà consolidata. Il Packbot è un sistema robotico dotato di telecamera e manipolatori, progettato per individuare e far brillare mine o proiettili inesplosi.

Il Talon SWORDS è un sistema robotico cingolato equipaggiabile con mitragliatrici e piattaforme varie per il lancio di granate e missili anticarro. Il Talon è in grado di navigare in modo autonomo nell'ambiente con l'ausilio di un GPS, ma le armi di bordo non sono controllate autonomamente dal sistema robotico e vengono azionate in remoto da un soldato.

Entrambi i sistemi sono stati ampiamente impiegati in Iraq e Afghanistan dall'esercito statunitense. Sono operativi anche alcuni sistemi robotici in grado di prendere la decisione di sparare e di agire di conseguenza. E' il caso della sentinella robotica SGR-A1, dotata di una mitragliatrice e di un sistema di visione in grado di individuare una persona anche in condizioni di illuminazione notturna. Questo sistema viene utilizzato dall'esercito sudcoreano per sorvegliare la zona demilitarizzata al confine tra le due Coree, alla quale si suppone che possano accedere solo dei nemici. L'ipotesi che guida il sistema di controllo di SGR-A1 – e cioè che ogni oggetto animato inquadrato nel mirino sia un nemico – non è, in generale, un'ipotesi valida sui campi di battaglia. E' infatti possibile inquadrare nel mirino soldati del proprio esercito, civili inermi, feriti dell'esercito nemico che non sono in grado di nuocere, avversari che hanno già espresso la volontà di arrendersi.

Eppure sono in corso numerosi progetti di ricerca per lo sviluppo di soldati robotici autonomi, e cioè in grado di controllare e usare per uccidere delle armi senza essere soggetti alla supervisione diretta di un essere umano.

Questi sistemi saranno in grado di distinguere tra un nemico e un civile inerme? Più in generale, i soldati robot saranno dotati delle capacità di discriminazione richieste a un essere umano perché possa qualificarsi come un combattente e non come un massacratore? Non si può evitare di affrontare questo problema se vogliamo che un soldato robot autonomo sia in grado di rispettare prescrizioni morali giustificabili in base a varie dottrine etiche o di comportarsi in conformità con le regole militari d'ingaggio e con le prescrizioni dello jus in bello codificate attraverso convenzione di Ginevra e altri protocolli internazionali.

Alcuni ricercatori nel settore della robotica hanno recentemente espresso – anche attraverso i giornali (International Herald Tribune, 26/11/2008) – la convinzione che i soldati robotici autonomi saranno, e in alcuni casi già sono, in grado di rispettare le prescrizioni morali e giuridiche del caso altrettanto bene o anche meglio di un essere umano. Per avvalorare questo punto di vista sono stati citati i casi, anche recenti, di massacri, torture, e altre violazioni gravi dei codici di condotta militare ad opera di soldati di diversi eserciti.

Troppo facile. Un confronto serio deve essere impostato con soldati il cui comportamento non sia così ovviamente censurabile. E un tale confronto richiede di individuare le capacità percettive e cognitive necessarie a discriminare tra avversari, amici e astanti negli scenari bellici più vari e meno rigidamente stereotipati. I sistemi robotici attuali non possono, in generale, competere con un essere umano in relazione a questo tipo di capacità percettive.

Nell'opinione di chi scrive, dotare un robot autonomo delle capacità percettive richieste a un soldato per rispettare regole d'ingaggio e jus in bello equivale, in buona sostanza, a risolvere il problema dell'intelligenza artificiale tout court. Ma in ogni caso la questione richiede una riflessione etica più approfondita alla luce degli attuali sviluppi delle tecnologie robotiche, senza tralasciare un'analisi degli interessi sociali, politici ed economici in campo.

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.