L'Europa della scienza a quattro velocità

Read time: 4 mins

L'Eurostat, l'Ufficio statistico dell'Unione Europea, ha pubblicato nei giorni scorsi l'edizione 2009 di Science, Technology and Innovation in Europe: un compendio aggiornato della ricerca scientifica e dello sviluppo tecnologico (R&S) nell'UE e nei suoi 27 paesi membri. Si tratta di un corposo volume denso di cifre da cui è possibile ricavare il quadro completo della R&S in Europa con notevole definizione di dettaglio. Ci sono dati sugli investimenti (pubblici e privati), sulle risorse umane, sul grado di internazionalizzazione.

Analizzeremo, nei prossimi giorni, più in dettaglio il quadro che ci propone Science, Technology and Innovation in Europe. Fermiamoci per ora all'analisi di due indicatori, forse grezzi (ci dico poco sulla qualità della ricerca), eppure estremamente significativi: la spesa assoluta e l'intensità di spesa in R&S.

Nell'anno 2007 i 27 paesi membri dell'Unione Europea ha investito complessivamente in ricerca e sviluppo 228,7 miliardi di euro. In termini assoluti l'Unione si conferma come secondo investitore al mondo, dopo gli Stati Uniti (che nel 2007 hanno investito 269,0 miliardi di euro) ma nettamente prima del terzo investitore, il Giappone (118,3 miliardi di euro nel 2007).

Tuttavia se si misura l'intensità di spesa (investimenti in ricerca rispetto alla ricchezza prodotta), l'Europa si trova in una condizione di debolezza. Il Giappone, infatti, risulta nettamente primo (investimenti in R&S pari al 3,40% del PIL - cifra salita al 3,67 secondo le ultime rilevazioni non certificate da Eurostat), gli Stati Uniti risultano secondi, col 2,67%, mentre l'Europa è nettamente distanziata, con l'1,85%.

Un dato modesto (è inferiore alla media mondiale) e, soprattutto stabile. Non si è mosso rispetto all'anno precedente. Ben lontano da quell'obiettivo del 3% entro l'anno 2010 che l'Europa stessa si è data per cercare di affermarsi come regione leader al mondo nell'economia della conoscenza.

Difficilmente l'Europa sarà in grado di recuperare nei prossimi anni il gap da Usa e Giappone, mentre già incalzano le potenze scientifiche emergenti: Cina, India, Brasile.  

Tuttavia il quadro europeo non è omogeneo. Sulla base della spesa assoluta è possibile verificare che tre paesi (Germania, Francia e Regno Unito) coprono il 60% degli investimenti, mentre gli altri 24 coprono il restante 40%.

Più significativa, tuttavia, è la mappa dell'intensità della spesa. Ci sono almeno quattro zone che si distinguono. Una, molto ampia, è costituita dai paesi scandinavi (Svezia, Finlandia, Danimarca on associata l'Islanda) e dai paesi che ruotano intorno alla Germania (la Germania stessa, l'Olanda, l'Austria, in parte la Slovenia). In questa zona, geograficamente continua, l'intensità di spesa è, in media, superiore al 2,5%: paragonabile a quella degli Stati Uniti. Con picchi in Svezia (3,60%) e Finlandia (3,47%) paragonabili all'intensità di spesa del Giappone. È questa la parte d'Europa che "crede" nella ricerca.

Una seconda area è quella francese (Francia, Belgio, Lussemburgo), dove l'intensità si attesta intorno al 2%. Una terza area è quella britannica (Regno Unito, Irlanda) che stenta a tenere il passo, non supera l'1,8% e si ritrova già sotto la media europea. Infine c'è la parte che proprio non c'è la fa. Che investe in R&S non più dell'1% del PIL. È costituita per lo più da paesi che affacciano sul Mediterranee e dai paesi dell'Est. Ma anche all'interno di questa zona di mediocrità ci sono differenze. Bisogna distinguere, infatti, situazioni in cui la tendenza è a un rapido aumento (la Spagna, per esempio) da quelli in cui è in una la tendenza è alla stabilità se non al declino (Italia).

Se è vero, come molti sostengono, che gli investimenti in R&S sono un indicatore di sviluppo economico, sociale e culturale, il quadro fornito da Eurostat ci dice non solo che l'Europa non è omogenea a suo interno, ma che le differenze tra le sue diverse regioni tendono ad aumentare.

Tabella 1 | Research & Development expenditure, 2007 (fonte: Eurostat, OECD and IMF for USA, Japan)

 Paese 
R&D expenditure, (million euro)* 
R&D intensity** (expenditure as % of GDP)   
200120062007
EU27  228 682e 1.86e 1.85e 1.85e
Belgium  6 263p2.08 1.88p 1.87p
Bulgaria  1400.47 0.48 0.48
Czech Republic  1 9551.20 1.55 L54
Denmark  5779e 2.39 2.48 2.55e
Germany  61 543e 2.46 2.54 2.54e
Estonia  1740.71 1.15 L14
Ireland  2 501p1.10 1.30p 1.31p
Greece  1 311e 0.58 0.57e 0.57e
Spain  13 3420.91 1.20 1.27
France  39 369p2.20 2.10p 2.08p
Italy  16 8311.09 1.13  x
Cyprus  70p0.25 0.43 0.45p
Latvia  1260.41 0.70 0.59
Lithuania  2330.67 0.79 0.82
Luxembourg  591p x1.66 1.62p
Hungary  9770.92 1.00 0.97
Malta  32p  x0.61 0.59p
Netherlands  9 666p 1.80 1.71p 1.70p
Austria  6946e 2.07e 2.46 2.56e
Poland  1 7640.62 0.56 0.57
Portugal  1 921p 0.80 1.00e 1.18p
Romania  6530.39 0.45 0.53
Siovenia  5011.50 1.56 1.45
Slovakia  2520.63 0.49 0.46
Finland  6 2433.30 3.45 3.47
Sweden  11 9360p4.17e 3.74e 3.60p
United Kingdom  36 728p1.79 1.76 1.79p
Croatia  348 x0.76 0.81
Turkey  34100.54 0.58 0.72
Iceland  4012.95 2.99 2.75
Norway  4 6651.59 1.52 L64
Switzerland  8 486 x x x
USA  269 098p 2.75 2.65 2.67p
Japan  11 82953.12 3.40  x
* 2004: Switzerfand; 2006: Italy, Japan. USA data excludes most or ali capitai expenditure    
** Hungary 2001: Defence excluded    
e Estimated   
p Provisional
x Data not available
Articoli correlati

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.