Il mondo della ricerca

Read time: 3 mins

Il mondo non sta cambiando. Il mondo è già cambiato. Malgrado la recente crisi finanziaria, è diventato più ricco: negli ultimi venti anni la ricchezza sul pianeta è raddoppiata (National Science Board 2008).

Sono cambiati i luoghi della ricchezza: nel 1985 la regione che produceva di più al mondo, per esempio, era ancora l'Europa (25% del PIL mondiale); oggi è l'Asia (36% del PIL mondiale).

Ma è cambiato, soprattutto, il modo di produrre ricchezza: siamo entrati nella società della conoscenza. Le imprese più dinamiche sia nel settore dei manufatti sia dei servizi sono quelle che producono e applicano nuove conoscenze: creano più ricchezza delle altre, remunerano meglio il lavoro, stimolano di più la crescita generale dell'economia.

Quanto conta l'R&S

Tutto questo è legato allo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica (R&S). A partire dall'inizio degli anni '90 del XX secolo, la globalizzazione della ricerca scientifica e dello sviluppo tecnologico procede infatti con decisa accelerazione in gran parte del pianeta e accompagna il cambiamento dell'economia globale.

La spesa in ricerca scientifica e sviluppo tecnologico ha toccato, alla fine del 2007, un nuovo record. Secondo i calcoli del R&D Magazine tutto il pianeta ha investito in ricerca 1.124 miliardi di dollari (calcolati a parità di potere d'acquisto delle monete): una cifra mai investita prima, superiore del 7,1% rispetto al 2006 e ormai pari al 2,1% della ricchezza mondiale (AAVV 2007).

Nel 1990 il mondo spese 377 miliardi di dollari in R&S (National Science Board 2006). Dal 1990 a oggi la ricchezza planetaria è solo raddoppiata, mentre la spesa in R&S è triplicata. Sono cresciuti, dunque, non solo gli investimenti assoluti, ma è aumentata anche l'intensità di ricerca e sviluppo.

Se il mondo della ricerca corre, l'Asia vola. Con 436 miliardi di dollari investiti complessivamente in R&S, per il secondo anno consecutivo conferma e anzi consolida la sua posizione di continente dove si investe di più in ricerca, precedendo ormai nettamente le Americhe (387 miliardi di dollari) e l'Europa (276 miliardi di dollari). Non è un caso che in Asia la produzione di ricchezza negli ultimi venti anni si è addirittura triplicata, consentendo a centinaia di milioni di persone l'accesso (non senza contraddizioni) nella cosiddetta classe media.

Ma anche nell'Asia che vola, il quadro va consolidandosi. Il paese che investe di più in R&S si conferma, per il secondo anno consecutivo, la Cina (175 miliardi di dollari), che precede ormai nettamente il Giappone (144 miliardi di dollari). L'India è terza, anche se piuttosto distaccata (42 miliardi di dollari).

Primo investitore al mondo in assoluto restano gli Stati Uniti, che nel 2007 hanno investito in ricerca e sviluppo 353 miliardi di dollari: ben 77 miliardi di dollari in più dell'intera Europa.

Tabella 1 | Investimenti in R&S nell'anno 2007 calcolati a parità di potere d'acquisto (Fonte: elaborazione propria da dati R&D Magazine)

PaeseSpesa 2007 (miliardi $ a ppa)
1. Usa353,0
2. Cina175,0
3. Giappone143,5
4. Germania64,6
5. Francia44,0
6. India41,8
7. Gran Bretagna40,1
8. Corea37,7
9. Brasile26,0
10. Canada24,5
11. Taiwan19,9
12. Italia19,0
13. Russia18,0
14. Spagna15,0
Mondo1.124,0

Tabella 2 | Investimenti in R&S nell'anno 2007 per grandi aree calcolati a parità di potere d'acquisto (La somma degli investimenti relativi non è pari al 100%, perché vi sono paesi che affacciano sia sul Pacifico sia sull'Atlantico. Fonte: elaborazione propria da dati R&D Magazine)

AreaInvestimenti 2007(in miliardi di dollari)%sul totale mondiale
Asia43638,9%
Americhe38734,4%
Europa27624,6%



Indopacifico82375%*
Nord-Atlantico65458%*

Bibliografia

  • National Science Board 2008. Science and Engineering Indicators 2008. Two volumes. Arlington, VA: National Science Foundation (volume 1, NSB 08-01; volume 2, NSB08-01A).
  • AAVV. Global R&D Report 2008, R&D Magazine, settembre 2007.
  • National Science Board 2006. Science and Engineering Indicators 2006. Two volumes. Arlington, VA: National Science Foundation (volume 1, NSB 06-01; volume 2, NSB 06-01A).
Articoli correlati

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.