Antonio Pilello

Antonio Pilello (1982), laureato in Astronomia presso l'Università degli Studi di Padova. Ha collaborato con l'agenzia spaziale tedesca a Berlino e l'Università di Göttingen.

Max Planck Gesellschaft, eccellenza tedesca

Max Planck Gesellschaft: Scultura di Minerva, dea della saggezza, all'ingresso della Direzione Generale.

La Max-Planck-Gesellschaft zur Förderung der Wissenschaften (MPG), in italiano Società Max Planck per l'avanzamento delle scienze, è stata fondata a Göttingen dal chimico tedesco Otto Hahn nel 1948 ed è un'organizzazione indipendente senza scopo di lucro che si occupa di ricerca di base. Alla data del 1° gennaio 2016 ne facevano parte 83 istituti di ricerca. I dipendenti assunti erano 22.197. Circa il 60% (13.276) era impiegato come personale scientifico. Di questi, 7.500 erano dottorandi, post-dottorandi, assistenti tecnici e studenti.

Fraunhofer-Gesellschaft ūber alles

In Germania ci sono quasi mille istituzioni finanziate con fondi pubblici che si occupano di ricerca e sviluppo (R&S). In totale, oltre 600.000 persone hanno un impiego in questo settore con almeno 350.000 ricercatori. La spesa interna lorda è pari a 84,5 miliardi di Euro (dati 2014), con più di due terzi del totale provenienti dall'industria.

Morbillo e vaccinazioni in Germania

Berlino sta vivendo una forte epidemia di morbillo. Iniziata nell'ottobre 2014, per gli esperti non si tratta di una sorpresa assoluta perché le lacune nella vaccinazione della popolazione sono relativamente grandi. In totale, come riportato dal settimanale Der Spiegel, alla data del 24 febbraio 2015 si erano ammalate 593 persone, oltre un quarto delle quali ricoverate in ospedale.  La malattia ha interessato soprattutto il distretto di Friedrichshain-Kreuzberg, ma anche Neukölln, Marzahn-Hellersdorf e Lichtenberg.

A tour through European scientific governance

European research is fundamental for guaranteeing future competitiveness to our economies, as acknowledged by all EU member States that committed to reach investments in research and development equal to 3% of GDP. Up to date, however, the funds allocated by the 28 Countries of the Union remain below the 2% of GDP and on average do not exceed 0.7% (Fig. 1). Some Nations, however, are reversing their route.

Un viaggio nella governance della ricerca europea

La ricerca europea è fondamentale per garantire la competitività futura delle nostre economie, come riconosciuto da tutti gli Stati membri al momento dell'adozione dell’obiettivo 3% del PIL da investire in ricerca e sviluppo. A tutt’oggi, però, gli investimenti in ricerca dei 28 paesi dell’Unione sono sotto il 2% del PIL e anche i finanziamenti pubblici non superano la media dello 0,7%.

Are we safe online? Looking for answers with Horizon 2020

In a world of 1s and 0s... are you a zero, or The One? Every year, as reported by the European Commissioner for Digital Agenda Neelie Kroes, 200 million of Europeans buy things online. Furthermore, the web economy generates a fifth of the growth in the European Union. Therefore, it is now important to apply the fundamental rights online as well as offline.

The Twitterfly effect

Do you remember A Sound of Thunder, a short story by Ray Bradbury published in 1952? During a time travel's safari, the unintentional killing of a butterfly causes several changes at present-days. In chaos theory, the butterfly effect is a phenomenon whereby a minor change in circumstances can cause a large change in outcome. Today, after many years, we could probably speak about the Twitterfly effect.

Space. The final frontier is closer... to Europe

Space, the final frontier. The first series of Star Trek started in 1966, following the interstellar adventures of Captain James T. Kirk and his crew on board of the space ship Enterprise. Today, after almost 50 years, this frontier is closer to Europe. In fact, as reported by the Eurobarometer 403 survey, the majority of Europeans thinks the space sector is a source of growth and a contributor to scientific progress.

Which future for ICT?

Presently, the Information and Communications Technology (ICT) sector represents 4.8% of the EU economy. According to the forecasts, the investments in this field will increase by about 25% under Horizon 2020 compared to FP7. This year, for instance, more than 1 billion Euro will be available. Research and development (R&D) in ICT technologies can produce concrete benefits for the citizens.

Space research in Horizon 2020: which advantages for Italy?

Horizon 2020 identified space research as one of Europe's key industrial technologies. The Commission highlighted its potential for EU innovation and competitiveness, but what are the consequences and advantages for our country? We had the pleasure to speak with Augusto Cramarossa, Head of National and International relations Unit of the Italian Space Agency (ASI).

 

A new dress for the Erasmus programme

For a lot of students it is like in the film L'Auberge Espagnole. Recently, the benchmark of the 3 millionth Erasmus student was reached. This exchange programme, adopted in 1987, represents the first time living and studying abroad for many European students. Probably, it changed the life of most of them. From 2007 to 2013 it formed a major part of the EU Lifelong Learning Programme.

A more sustainable food system in Europe?

Tell me what you eat and I will tell you what you are. On November 12th-15th 2013, Bologna (Italy) hosted the Annual Meeting of the European Federation of Food Science & Technology (EFFoST). The conference was especially focused on two topics: the bio-based scientific approaches for food-human well-being interaction and the bio-based technologies for industry competitiveness.

Traditional and space medicine combined at :envihab

The new research center :envihab at the German Aerospace Center (DLR) in Cologne represents a bridge between the traditional medicine on Earth and the space medicine. The structure, with an area of 3500 square meters and a cost of 30 million Euro, will be used to study the effects of extreme environmental conditions on the human body and to determine the possible countermeasures. For example, the researchers will study the effects of aging, bed rest, immobilization and isolation on Earth.

La transizione energetica in Germania

In Germania è in corso una rivoluzione che durerà decenni. La chiamano Energiewende e, come la Wende associata al crollo del blocco comunista, cambierà il volto del Paese. Anzi, lo sta già cambiando. Questo termine fu usato per la prima volta nel 1980, in uno studio pubblicato dall'Öko-Institut. Nel 2002, questo concetto è stato ripreso e definito nella sua forma attuale dal Bundesministerium für Umwelt, Naturschutz und Reaktorsicherheit (BMU).

Berlino, la capitale dei talenti

Berlino è povera, ma sexy. Klaus Wowereit, sindaco dal 2001, ha descritto così la capitale tedesca. È vero, la città-Stato deve fare i conti con un debito elevatissimo che potrebbe aumentare, secondo le previsioni, sino a circa 65 miliardi di euro entro la fine del 2015. Tuttavia, la metropoli costituisce uno tra i più grandi e più moderni centri scientifici di tutta Europa, essendo sede di quattro università, sette accademie tecniche e 70 istituti di ricerca.

Children and Youth

“Se le giovani generazioni avessero sempre ceduto alle vecchie, vivremmo ancora all'età della pietra“. L'attivista e scrittore francese Victor Lebrun, noto ai più per essere stato il segretario personale di Lev Tolstoj, aveva ben presente che, nel corso della storia, i giovani hanno sempre giocato un ruolo fondamentale nel plasmare la società. Anche oggi, i ragazzi sono la chiave per progettare un mondo migliore.

Issues Brief 12 - Science and Technology

Il documento Rio 2012 Isseus Brief n° 12 fornisce una panoramica sui progressi della tecnoscienza legata allo sviluppo sostenibile, a partire dall'Earth Summit del 1992. Tutte le tecnologie consumano risorse, occupano suolo e inquinano l'aria, l'acqua e l'atmosfera. I governi premono, di conseguenza, per una trasformazione tecnologica globale, in grado di ridurre le emissioni e i rifiuti, ponendo fine allo sfruttamento incontrollato delle risorse non rinnovabili.

Europe and sustainability: towards Horizon 2020

"The future can be yours! Last chance!" The motto of Jeffrey Goines, the character in the post-apocalyptic science fiction film Twelve Monkeys directed by Terry Gilliam in 1995, has never been more relevant. Let's see why. In 1978, the French explorer and oceanographer Jacques Cousteau proposed the idea that the interests of people not yet born had to be protected, i.e. of those who are reading this article right now, by means of a Bill of Rights of future generations.

L'Europa e la sostenibilità: verso Horizon 2020

“Il futuro può essere tuo, è l'ultima occasione!” Il motto di Jeffrey Goines, personaggio del film di fantascienza post-apocalittica Twelve Monkeys diretto nel 1995 da Terry Gilliam, è oggi più che mai attuale. Vediamo perché. Nel 1978, l'esploratore e oceanografo francese Jacques Costeau propose l'idea di tutelare gli interessi delle persone che dovevano ancora nascere, ovvero molti di quelli che stanno leggendo adesso questo articolo, per mezzo di una Carta dei diritti delle generazioni future.