fbpx Il welfare salva ancora la salute degli europei | Scienza in Rete
Covid-19/

Il welfare salva (ancora) la salute degli europei

Read time: 3 mins

Peace Love Doctor, Bansky. Credit: Thomas Hawk / Flickr. Licenza: CC BY-NC 2.0.

Nonostante tutto - la crisi, i tagli, la disoccupazione - le disuguaglianze di salute diminuiscono in Europa, a partire dalla mortalità. Lo afferma uno studio appena pubblicato da PNAS e coordinato dall’epidemiologo dell’Erasmus University Medical Center di Rotterdam Johan Mackenbach, insieme ad altri ricercatori del progetto Lifepath.

Il risultato dell’analisi statistica condotta sulle serie di mortalità condotta in 17 paesi dal 1980 al 2014 non era scontata. Negli Stati Uniti, infatti, gli ultimi anni sono stati segnati dalle cosiddette “morti per disperazione” fra i bianchi di mezza età e con un basso livello di istruzione. Morti associate anche all’aumento dei casi di suicidio e overdose dovuti all’abuso di antidolorifici oppiacei che si è diffuso come un’epidemia nel paese.

E’ proprio partendo da questi dati inattesi che il gruppo di Mackenbach ha allestito questo studio in Europa su 9,8 milioni di morti negli ultimi 34 anni in 17 paesi, in cui si sono esaminati anche i casi di morbilità riportata da 350.000 persone provenienti da 27 paesi, dal 2002 al 2014.

Risultato: non solo la mortalità non è cresciuta, ma anzi continua a scendere in tutti i paesi considerati. Italia compresa. E a trarne vantaggio sono soprattutto le persone con un basso livello di istruzione.

«Il nostro studio dimostra che, nonostante la recessione, nella maggior parte dei paesi europei c’è stato un miglioramento della salute fra le persone meno istruite. Addirittura, nell’Europa dell’Est questo miglioramento ha ribaltato la tendenza negativa degli ultimi decenni»., spiega l’epidemiologo olandese. «Questo è dovuto probabilmente al fatto che questi paesi sono stati in grado di salvaguardare il loro sistema di welfare, incluso il sistema sanitario».

Andamento del tasso di mortalità per 100.000 della clsse più svantaggiata (in termini di istruzione)

A giudicare dal grafico sopra riportato, il trend decrescente nella mortalità non si è arrestato nemmeno negli anni grami della recessione. L’Italia, che partiva da percentuali migliori di quasi tutti gli altri paesi già dagli anni ottanta, ha ulteriormente migliorato la propria situazione. I paesi dell’Est, che hanno risentito dall’uscita dal blocco sovietico negli anni novanta, hanno recuperato almeno in parte lo svantaggio probabilmente proprio grazie agli aiuti economici ricevuti dall’odiata Unione Europea.

«Una simile inversione di tendenza non era mai stata riportata finora. Questo è probabilmente il nostro risultato più importante», spiega Mackenbach. «Sembra che le politiche finalizzate all’abbassamento della mortalità, in quei paesi, abbiano finalmente raggiunto anche le fasce meno istruite della popolazione. Ciò significa che quando si introducono nuove strategie sanitarie, bisogna monitorare con attenzione le disuguaglianze di salute dovute alle condizioni socioeconomiche».

Non si può escludere che effetti sulla mortalità si possano vedere dal 2012 in poi. Non è un caso, per esempio, che fenomeni tipici della crisi come licenziamenti e fallimenti abbiano lasciato una traccia nella salute mentale, e in particolare sul numero dei suicidi, in crescita. Il fenomeno non è tuttavia sufficiente per trascinare verso un saldo negativo il dato di mortalità generale, grazie anche alla diminuzione della probabilità di morire per cause come incidenti stradali e abuso d’alcol.

«Gli effetti a breve termine della crisi sulla vita delle persone non sono stati abbastanza forti da vanificare i progressi fatti negli ultimi anni nella prevenzione, stili di vita e sostanziale tenuta del welfare anche grazie all’appartenenza all’Unione europea. Ed è questo segnale politico che rende questo studio così importante», conclude Paolo Vineis, dell’Imperial College di Londra e altro autore dell’articolo.

 
Fonte
Johan P. Mackenbach et al. “Trends in health inequalities in 27 European countries,” PNAS 4/6/2018. (Link a Eurekalert) (link a PNAS)

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

I modelli di linguaggio non devono limitarsi ad apprendere dai dati

« Allenare i modelli satistici di linguaggio su database rappresentativi dei diversi punti di vista della società, inclusi quelli minoritari, è fondamentale, ma dobbiamo anche intervenire nella progettazione dei modelli. Li stiamo sviluppando come se dovessero imparare tutto da zero, ma non è necessario», ci ha detto Dirk Hovy, linguista computazionale dell'Università Bocconi. Hovy coordina il progetto INTEGRATOR, finanziato dallo European Research Council con uno Starting Grant, che ha l'obiettivo di integrare fattori demografici nei modelli di linguaggio per mitigare il rischio di discriminazione. I rischi etici e sociali posti dall''utilizzo di modelli di linguaggio che apprendono da database di grandi dimensioni tramite un enorme numero di parametri è l'oggetto dell'articolo che ha portato tra dicembre e febbraio al licenziamento di due autorevoli scienziate del gruppo Ethical AI di Google e ora alle dimissioni del coordinatore del progetto Google Brain. Ma il contenuto dell'articolo, secondo Hovy, non è così controverso e anzi affronta problemi di cui una parte della comunità informatica si occupa da tempo. «La vicenda sottolinea che la nostra ricerca ha una nuova dimensione etica e che il rapporto tra accademia e industria deve essere rinegoziato per affrontarla».

Crediti immagine: M-OCRROR typeface

La scorsa settimana, Samy Bengio, direttore del progetto Google Brain, ha annunciato le sue dimissioni. A fine aprile lascerà la società dopo 14 anni.