fbpx Webinar | Scienza in rete
Covid-19/

Salute: dialogare con i bambini per promuovere il Pensiero Critico

Tempo di lettura: 1 min
 --

Il webinar presenterà il progetto “Informed Health Choices”, sviluppato a livello internazionale da Iain Chalmers e Andy Oxman per incoraggiare il pensiero critico sui temi di salute fin dalla scuola primaria. Saranno anche presentate alcune esperienze di implementazione del progetto in Italia e discussa la possibilità di una più ampia diffusione dell'approccio proposto e della sua valutazione. 
Per approfondimenti clicca qui.
Scarica il programma del webinar.

La partecipazione ai webinar è aperta a tutti. Considerando che AssociALI non ha sponsor e considerando l'impegno organizzativo, ci auguriamo che i partecipanti possano decidere di offrire il loro sostegno all'Associazione iscrivendosi o rinnovando la quota associativa che è di 60 euro, mentre per i più giovani di 35 anni e per gli appartenenti ad associazioni di pazienti e cittadini è di 20 euro. Per iscriverti clicca qui.

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Ma è così diversa la seconda ondata?

Davvero durante la seconda ondata si sono contagiate più persone che nella prima, come a volte si dice? Cesare Cislaghi fa qualche esercizio matematico: valutarne la correttezza è difficile, ma i risultati sembrano mantenere una certa coerenza interna.

Crediti immagine: Background vector created by starline - www.freepik.com

Una delle opinioni diffuse ma non confermate da analisi più approfondite è che durante la seconda ondata si siano contagiate molte più persone che nella prima, anche se i contagi hanno provocato meno complicazioni cliniche e queste sono state meno letali. Non è facile, ovviamente, cercare di ricostruire quelle che potrebbero essere state le frequenze da fine febbraio a oggi, ma quello che presentiamo qui è un tentativo per provare a fare questa complicata e rischiosa operazione.