Claudio Elidoro

Claudio Elidoro (1956), laureato in Astronomia all'Università di Bologna, divulgatore scientifico. Ha scritto numerosi articoli, pubblicati su riviste astronomiche italiane, circa i corpi minori del sistema solare.

In the Web:

https://plus.google.com/+ClaudioElidoro/posts
http://digilander.libero.it/elidoro

Spazio: radiazioni più pericolose del previsto

Lavori di costruzione sulla Stazione Spaziale Internazionale. Credit: NASA.

La fantascienza ci ha ormai abituati a salire a bordo di potenti astronavi in grado di trasportarci dovunque nello spazio, inducendoci inevitabilmente a sottovalutare quanto possa essere letale questo ambiente. Oltre alle eccezionali sfide tecnologiche che si dovranno affrontare e vincere, infatti, lo scenario di un viaggio spaziale, specialmente una missione di lunga durata, porta inevitabilmente con sé terribili rischi.

Ma il Sole è figlio unico?

Splendida immagine del Sole catturata dal telescopio spaziale SOHO (Solar and Heliospheric Observatory) il 16 luglio 2000. La ripresa è stata effettuata alla lunghezza d’onda di 195 Angstrom, il che significa che il materiale luminoso che osserviamo nell’immagine ha temperatura di circa un milione e mezzo di gradi Kelvin. (Crediti: SOHO - ESA e NASA)

Una recente ricerca su una regione di formazione stellare in Perseo confermerebbe che le stelle come il Sole non nascono isolate, ma a coppie. Col passare del tempo, poi, alcuni di questi sistemi stellari mantengono vivo il loro legame, altri no. Quasi doveroso, dunque, indagare su quale fine possa aver fatto l’eventuale fratello del Sole.

Quel buio oltre la siepe

Davvero curioso che, proprio nell’epoca in cui ci sembra di aver raggiunto le vette più alte della conoscenza di quanto ci circonda, scopriamo che da questa conoscenza è esclusa la stragrande maggioranza dell’Universo stesso. Ciò che riusciamo a vedere con i nostri occhi e con i potenti e sofisticati telescopi di cui dispongono gli astronomi, infatti, è solamente il 5% dell’intero Universo. E il resto?