Filippo Bonaventura

Dopo la laurea in Astrofisica all’Università di Trieste (2008) e il Master in Comunicazione della Scienza alla SISSA di Trieste (2012), lavora nell’editoria scolastica e nella didattica della scienza. È co-autore di MacroMicro (Bruno Mondadori, 2014), testo di scienze per le scuole medie. È stato coordinatore di “le Stelle”, rivista di cultura astronomica. Collabora con l’INAF-Osservatorio di Brera nella realizzazione di eventi di divulgazione dell’astronomia. Vive a Milano.

L’espansione dell’universo “oscilla”

In principio fu il Big Bang. Poi, come sappiamo, la trama dello spazio-tempo cominciò a espandersi. Oggi sappiamo che questa espansione non ha sempre avuto lo stesso ritmo: a un certo punto della sua storia, infatti, l’universo è passato da una fase di espansione rallentata a una fase, che dura ancora oggi, di espansione accelerata. Ma la storia potrebbe essere ancora più complessa.

LHC, scoperto il primo pentaquark

Avete dei mattoncini per le costruzioni. La casa produttrice impone che si possano combinare solo con precise regole, per cui risulta naturale ottenere solo coppie o triplette di mattoncini. Voi, però, vi mettete in testa di trovare delle combinazioni con un numero più alto di mattoncini, ovviamente senza violare le regole di base.