Nicoletta Guaragnella

Settore di competenza
Scienze della vita

Esperienze professionali
2010-oggi Ricercatore III livello (n.matricola 11687), Istituto di Biomembrane e Bioenergetica (IBBE), CNR, Bari.
2007-oggi Collaboratrice Ufficio Stampa CNR.
2009 Contratto di lavoro autonomo professionale con l’Università degli Studi del Molise. 
2004-2009 Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze per la Salute dell’Università degli Studi del Molise.

Principali mansioni e responsabilità
2011-2012 Responsabile scientifico Progetto “Morte cellulare programmata: identificazione di target molecolari e di molecole naturali e/o di sintesi ad azione farmacologica” finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia
2010-oggi Referente dell’IBBE per l’ Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) CNR.
2013-oggi Referente della comunicazione dell'Istituto di Biomembrane e Bioenergetica-CNR 

Istruzione formazione
2012 Corso di management e valorizzazione della Ricerca, CNR-Psc, Genova.
2010 Corso avanzato in “Tecnologie emergenti per la Genomica funzionale”, CNR IBPM, Roma.
2010 Corso di formazione in Citometria a Flusso, CNR IBBE, Bari.
2007 Master in “Le scienze della vita nel giornalismo e nei rapporti politico-istituzionali” conseguito con voti 110/110 e lode presso l’Università degli Studi ‘La Sapienza’, Roma discutendo la tesi dal titolo “Terza missione dell’Università e comunicazione della scienza:ragioni, premesse e prospettive”.
2003 Dottorato di Ricerca in Biochimica e Biologia Molecolare presso l’Università degli Studi di Bari discutendo la tesi dal titolo “Comunicazione retrograda mitocondrio-nucleo in Saccharomyces cerevisiae: controllo trascrizionale RTG-indipendente del gene ATO3”.
2003 Abilitazione all’esercizio della professione di Biologo con voti 145/150.
2000 Laurea in Scienze Biologiche conseguita con voti 110/110 e lode presso l’Università degli Studi di Bari discutendo la tesi sperimentale dal titolo “Symporter D-lattato/H+ e D-lattato deidrogenasi in mitocondri di fegato di ratto”.

Attività di ricerca
L’attività di ricerca della Dott.ssa Guaragnella riguarda lo studio dei meccanismi di morte cellulare programmata utilizzando il lievito Saccharomyces cerevisiae come sistema modello. In generale, si è dedicata ad una caratterizzazione cinetica degli eventi che avvengono durante la apoptosi del lievito. Nell’ambito della caratterizzazione cinetica, si è interessata, in particolare, al ruolo dello stress ossidativo, del citocromo c e della metacaspasi YCA1 durante la morte. Allo scopo di individuare geni implicati nella apoptosi del lievito, la Dott.ssa Guaragnella ha creato ceppi deleti e di over-espressione.
La Dott.ssa Guaragnella ha maturato esperienza anche nell’ambito della risposta cellulare a disfunzioni mitocondriali. In particolare, durante un periodo di 2 anni trascorso presso il laboratorio del Prof. R.A. Butow del Dipartimento di Biologia Molecolare del Southwestern Medical Centre dell’Università del Texas, Dallas (USA), la Dott.ssa Guaragnella ha condotto una ricerca sul ruolo dei mitocondri nella segnalazione intracellulare e sulla comunicazione nucleo-citoplasma-mitocondrio, nel lievito Saccharomyces cerevisiae. La Dott.ssa si è dedicata alla identificazione e regolazione di geni implicati in una comunicazione tra mitocondri e nucleo, chiamata comunicazione retrograda, indipendente da fattori di trascrizione chiamati RTG.

L’attività di ricerca della Dott.ssa Guaragnella è documentata da: 
Elenco pubblicazioni (anno 2007-12) su riviste internazionali JCR

Collaborazione a progetti di ricerca
Progetto Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia 2011-2012.
Progetto FaReBio di Qualità, Ministero Italiano dell’Economia e della Finanza. (2011-2013)
Progetto TIORCAS (Trasferimento Innovazione Organizzazione nella Ricerca nella Cultura nell’Ambiente e nella Sanità) nell’ambito del Progetto Europeo INTERREG III/A 2004-2007 Transfrontaliero Adriatico.

Borse di studio
Vincitrice di una borsa di studio della Società Italiana di Biochimica e Biologia Molecolare per la partecipazione al 36th FEBS Congress, Biochemistry for Tomorrow’s medicine, 2011 Torino, Italia.
Vincitrice di una borsa di studio della Società Italiana di Biochimica e Biologia Molecolare per la partecipazione al 33rd Federation of European Biochemical Societies Congress & IUBMB Conference, luglio 2008 Athens, Greece.
Vincitrice di una borsa di studio della Azienda Farmaceutica Shering per la frequentazione del Master in ‘Le scienze della vita nel giornalismo e nei rapporti politico-istituzionali’, aa. 2006-07 Università di Roma La Sapienza.

Attività didattica
Correlatrice di 8 tesi di laurea magistrale in Biochimica e Biologia Molecolare presso l’Università degli Studi di Bari.
Ha tenuto lezioni di Biochimica, Biochimica Informazionale e manipolazione genetica dei microrganismi nell’ambito del corso di Biochimica Generale, corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia e Scienze e Tecnologie Alimentari presso l’Università del Molise. E’autrice di un opuscolo didattico dal titolo “Appunti di Biochimica Informazionale”.
E’ stata cultore della materia “Biochimica” presso le Facoltà di Medicina e Chirurgia e di Agraria dell’Università del Molise.

Organizzazione di corsi e convegni
2008 Incontro finale divulgazione delle attività scientifiche del Progetto TIORCAS
2007 Corso pratico su “Molecular genetic techniques for the analysis of pathogenic mutations of disease-genes” tenutosi a Campobasso presso l’Università del Molise.
2006 Corso teorico di Biochimica e Biologia Molecolare in Medicina Umana tenutosi presso l’Istituto di Salute Pubblica di Podgorica (Montenegro).
2005 Primo incontro TIORCAS con i partner di Progetto del Montenegro tenutosi a Campobasso presso l’Università degli Studi del Molise.
2005 Esercitazione teorico-pratica su “Le tecniche del DNA ricombinante e loro campo d’impiego” per studenti del V anno dell’Istituto tecnico industriale “G. Marconi” (indirizzo scientifico-tecnologico) di Bari.

Madrelingua
Italiano

Altre lingue
Inglese

Capacità e competenze informatiche
Microsoft Office; Corel Draw; Grafit; Adobe Photoshop

Società scientifiche
Società Italiana di Biochimica e Biologia Molecolare
Società Italiana di Microbiologia Generale e Biotecnologie Microbiche

Vita da ricercatore: privilegio e responsabilità

Diceva Albert Einstein “La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. E’ nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Senza crisi non ci sono sfide e non c’è merito. Lavoriamo duro e finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla” (1).

Siamo quello che mangiamo o che non mangiamo?

La copertina del numero di maggio scorso della rivista National Geographic riporta l’immagine di un bambino accompagnata da un titolo provocatorio “Questo bambino vivrà fino a 120 anni”. Indubbiamente, l’aspettativa di vita media nel mondo ha superato la soglia dei 70 anni, ma siamo ben lontani dal pensare di poter diventare ultracentenari. In verità, il problema principale non è quanto a lungo riusciamo a vivere, ma in che modo.

  •