Covid-19/

World university ranking debate

Read time: 2 mins

Just as happened in Italy after the VQR report has released, a counter-assessment was also given to the Jiao Tong University ranking, concerning the best universities in a global scenario, published on august 2013. "That ranking does not reflect our academic system" were the words of Genvieve Fioraso, French Minister of Higher Education and research. It seems that Fioraso did not intend to contest the French universities rank - which, indeed, earn position with respect to the latest rankings - but rather the criteria used to analize an academic system different than countries for what concer internal organization. The Shanghai ranking is based on four criteria: quality of teaching (ie how many faculty of a university have received a Nobel Prize or Fields Medal); quality of the academic staff (based on the rankings highly cited) scientific production (impact factor ), productivity (the first three criteria in relation to the total number of teachers). Doubts about the reliability of the Shanghai's ranking became more strong when compared with other three major rankings concerning the quality of universities around the world. Those are in disagreement, for example, even for the top positions.



(click on the image above to open the graph)


Consulting the data, the most obvious differences are about the percentage of presence of individual countries in the rankings, the top positions (MIT QS, Harvard for the other three, as well as Johns Hopkins is ranked second only to the Taiwan Ranking). According to observers, those scenarios are so different beacause of the approaches to assessment variables based on different parameters used for individual methods. 
The Asian rankings, for example, are guilty of favoring studies in English and those with impact factor related to a small group of scientific journals.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Covid-19 e riproduzione: un binomio ancora incerto ma tutt’altro che trascurabile

spermatozoi

Covid19 e infertilità: sebbene i risultati disponibili siano al momento immaturi, stanno emergendo diversi elementi a supporto dell’ipotesi che l’infezione da SARS-CoV-2 possa avere effetti negativi anche sulla riproduzione. Il tema può rivelarsi di interesse primario, considerando il calo delle nascite in corso da decenni in Italia e la potenziale ulteriore accelerazione nel 2020 e 2021, sia per cause psico-sociali, che come conseguenza del possibile impatto dell’infezione sulla funzione riproduttiva (Fraietta et al. 2020).

Ecco emergere un altro dei temi legati a COVID-19 che può essere di grande interesse per i cittadini, occasione per pianificare interventi di sanità pubblica a supporto e protezione di una fascia così importante della comunità: quella delle coppie in età fertile che possono decidere di avere bambini. Il tema è complesso dal punto di vista medico e della ricerca e in forte evoluzione, con molti aspetti da chiarire per indirizzare nuove ricerche e diverse notizie da condividere con i decisori anche se ci sono incertezze.