Facciamo luce sull’Universo…

Read time: 2 mins

Agli inizi dell’astronomia gli uomini hanno potuto osservare e studiare solo gli astri che emettono radiazione a cui il nostro occhio è sensibile: la luce.

Così come per quanto riguarda il suono, il nostro orecchio è sensibile solo ad alcune frequenze, mentre alcuni animali, ad esempio delfini e pipistrelli, ne percepiscono anche altre, allo stesso modo, oltre alla radiazione luminosa, che l’occhio vede, esistono radiazioni che riusciamo a percepire solo con appositi strumenti, ad esempio i radiotelescopi.
L’atmosfera terrestre costituisce però uno schermo per la maggior parte delle radiazioni non visibili. Attualmente, grazie alla conquista spaziale, è stato possibile osservare il cielo al di là dell’atmosfera terrestre, ricavando nuove informazioni.

Le immagini che seguono mostrano la stessa galassia, Centaurus A, vista in base alle diverse radiazioni: a sinistra, utilizzando strumenti sensibili a raggi X, in centro, con radiazione visibile, a destra, l’immagine è stata ottenuta tramite radiotelescopio. La prima e l’ultima immagine ottenuta sono in falsi colori: si associa ad un diverso livello di intensità di radiazione un diverso colore.

Enormi getti di materia sono visibili solo osservando la galassia in X e radio: il meccanismo alla base della loro creazione e la loro composizione sono tuttora argomento di forte dibattito, ma l’analisi dell’Universo con radiazioni diverse dal visibile ne permettono lo studio.
Ancora, se avessimo la possibilità di osservare il cielo rivelando la radiazione gamma (più energetica dei raggi X) con i nostri occhi, potremmo verificare come ogni giorno nel cielo appaia una sorgente nuova, così energetica da abbagliarci, e che dopo pochi secondi, sparisce nel nulla. Sono i gamma ray burst, gli oggetti più energetici dell’Universo, probabilmente generati dall’accrescimento di materia su un buco nero.

Per chi volesse seguire in tempo reale la caccia ai lampi gamma, è disponibile l’app della NASA Swift, che invia un’allerta ad ogni nuovo lampo.

Buona esplorazione dell’Universo invisibile!

 di Anna Camisasca

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #97

Il consorzio Cancer Dependency Map ha prodotto una mappa delle vulnerabilità genomiche di 30 diversi tipi di tumori, identificando i geni responsabili della vitalità delle cellule tumorali e dunque nuovi possibili bersagli farmacologici. Lo studio è stato pubblicato mercoledì scorso in due articoli sulla rivista Nature. Per ottenere questa mappa i ricercatori hanno utilizzato la tecnica di editing genomico CRISPR, impiegando 100 000 molecole guida per poter disattivare a uno a uno tutti i geni presenti nei modelli in vitro di cancro. Alla ricerca hanno preso parte anche due scienziati italiani, Francesco Iorio e Gabriele Picco. Credit: Wellcome Sanger Institute, Genome Research Limited.

Spazio

Gli effetti di un anno nello spazio misurati su una coppia di gemelli. Sono stati pubblicati i risultati di uno studio che ha monitorato lo stato di salute di Scott Kelly, astronauta della NASA che ha trascorso 340 giorni a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, e del suo gemello Mark Kelly rimasto sulla Terra.