Una cura per Obama?

Read time: 7 mins

Nel 2008, dopo soli tre anni dalla sua approvazione, il BiDil, il primo farmaco anti-ipertensivo la cui efficacia è stata dimostrata solo all'interno della popolazione afroamericana, è stato dichiarato fuori commercio dalla Nitromed, la casa farmaceutica che l'aveva prodotto. Quando nel 2005 la Food and Drug Administration (l'ente statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici) aveva approvato il BiDil, la comunità scientifica si era divisa tra scettici ed entusiasti. Non c'è niente che faccia storcere il naso a scienziati e non come il concetto di razza nella nostra specie. Non c'è da stupirsi, quindi, se l'arrivo sul mercato del primo farmaco definito "etnico-selettivo" abbia sollevato perplessità scientifiche e socioculturali. La cartina tornasole è stata il basso indice di vendita del BiDil che alla fine ha costretto la Nitromed a sospenderne il commercio. Oggi la Nitromed è stata acquisita dalla Deerfield e la vendita del BiDil è ripresa, seppure con bassi guadagni. Un farmaco sul cui bugiardino compaia la parola razza provoca necessariamente qualche resistenza e il BiDil, infatti, non è stato visto di buon occhio né dai medici né dai pazienti. Il contraccolpo si è fatto sentire anche nel copione di un noto serial americano. Il medico più cinico di tutti i tempi, Dr. House, si è trovato infatti a fare i conti con un paziente afroamericano cardiopatico che ha rifiutato di prendere il farmaco più adatto a lui definendolo "un farmaco razzista".
Eppure, secondo il report stilato nel 2007 dalla Pharmaceutical Research and Manufacturers Association of America, oggi sono fase di sviluppo più di 700 farmaci destinati solo alla popolazione afroamericana. Ma allora la medicina etnica esiste? La variabilità genetica esistente all'interno della nostra specie dimostra che le razze, biologicamente parlando, non esistono. Passando dalla teoria scientifica alla pratica clinica c'è qualcosa che cambia? Proviamo a trovare una risposta. Prima di tutto c'è da dire che tutti gli afroamericani inclusi nei trial clinici dei così detti farmaci etnici sono dei "self-identified blacks". Stiamo parlando quindi di individui che autonomamente si definiscono neri. Questa classificazione non si basa su un'analisi scientifica, ma, di fatto, rispecchia considerazioni socioculturali. Cosa vuol dire essere un afroamericano? Sappiamo che Obama, ad esempio, è figlio di una donna del Kansas e di un uomo kenyota. Il presidente americano può essere definito un nero o un bianco? Dal punto di vista genetico è esattamente a metà, eppure nessuno esiterebbe a definirlo un nero, ma questa è una classificazione di tipo sociale, non biologico.

La storia del BiDil
Il BiDil è un farmaco anti-ipertensivo nato dalla combinazione di due composti farmaceutici normalmente impiegati in casi di attacco cardiaco in quanto hanno un effetto vasodilatatore su arterie e vene. Il farmaco, testato in 3 trial clinici eseguiti su un campione di individui composto sia da bianchi sia da afroamericani, ha mostrato una riduzione del 43% della mortalità dei neri americani e nessun effetto nei soggetti bianchi presenti nello studio. Sulla base di questi risultati il BiDil è stato approvato dalla FDA nel 2005. Il BiDil è il primo farmaco considerato efficace solo all'interno della popolazione afroamericana nonostante non si conosca quale sia il meccanismo di azione responsabile dell'effetto benefico.

Un lavoro svolto da Shimizu e pubblicato su Drug Metabolism Pharmacokinetics nel 2003 ha mostrato, inoltre, che non c'è alcuna differenza tra la capacità di metabolizzare un farmaco di un gruppo cinese e di uno svedese. In particolare, in entrambe le popolazioni vengono ritrovati soggetti con rapida, normale o lenta attività metabolica. Risultati come questo sembrano suggerire che non esistano razze o etnie che metabolizzano meglio o peggio un farmaco, ma piuttosto individui per i quali può essere più adatta una cura invece che un'altra.
Quali sono quindi le ragioni alla base del successo della medicina etnica?Di certo i farmaci etnico-selettivi costituiscono un interessante business per le industrie farmaceutiche che possono conquistare una nuova fetta di mercato e tagliare i costi dei trial clinici. I due componenti del BiDil, ad esempio, erano già in commercio come farmaci generici ed erano venduti a costi molto inferiori.
E' stata inoltre la stessa FDA, sin dal 1980, a incoraggiare la raccolta di dati e lo sviluppo di trial clinici mirati a diversi sottogruppi della popolazione e questo per permettere una più rapida identificazione delle differenze di risposta ai farmaci esistenti tra i gruppi. Come sostiene il noto scienziato-imprenditore Craig Venter in un editoriale pubblicato nel 2003 su Science, se da una parte è giusto sviluppare trial clinici che mirino a individuare e a non sottostimare le diversità, dall'altra utilizzare marcatori come razza ed etnia può portare a confusione e a trarre conclusioni che dal punto di vista biologico sono prive di significato.
Parlare di medicina etnica, inoltre, può essere anche pericoloso, sia perché puntando i riflettori sui fattori genetici si rischiano di mettere in ombra le disparità socioeconomiche, sia perché l'abuso di queste terminologie può far sospettare che si stia cercando una giustificazione biologica alle discriminazioni razziali.
La genetica ha cancellato le razze mettendo al centro del suo campo di indagine l'individuo. È questa la strada che anche la medicina moderna dovrebbe seguire.

Il parere di Guido Barbujani "Non esistono razze o etnie che metabolizzano meglio o peggio un farmaco - sostiene Guido Barbujani, professore di genetica del dipartimento di biologia ed evoluzione dell'Università di Ferrara - esistono individui per i quali può essere più adatta una cura piuttosto che un'altra. Parlare di medicina etnica vuol dire fare cattiva scienza e tornare indietro alle conoscenze genetiche del diciannovesimo secolo. Il caso del BiDil - aggiunge Barbujani - è interessante perché mette in luce due aspetti. Il primo è biologico ed è legato alla variabilità genetica della popolazione afroamericana che è la più complessa e variegata tra tutte quelle esistenti. Raggruppare tutti i neri americani sotto un unico grande ombrello è quindi solo una convezione sociale. È interessante notare che, nonostante oggi la maggior parte delle persone sia il frutto di un mosaico di geni derivati da antenati diversi, di fatto vige ancora la "one drop rule". Questa legge, nata in America durante il periodo della schiavitù, stabiliva che chiunque nella propria storia familiare mostrasse di avere anche una sola goccia di sangue nero veniva automaticamente classificata come nera. Oggi sembra ripetersi la stessa cosa. Una persona sente di appartenere alla classe sociale più debole indipendentemente da quale sia la sua natura genetica. Il secondo problema è invece di natura socioeconomica. Gli afroamericani sono una popolazione per la maggior parte economicamente svantaggiata e il successo del BiDil potrebbe essere giustificato dall'aver dato una possibilità di cura a soggetti che fino a quel momento non l'avevano. Del tutto differente è invece la situazione per i bianchi per i quali il BiDil ha mostrato di non avere effetto. Si tratta di persone che, in genere, hanno già a disposizione delle terapie valide e per le quali quindi è più difficile trovare un nuovo farmaco che risulti davvero efficace. Se un gruppo di persone mostra una maggiore predisposizione verso certe malattie per via di fattori culturali, come la dieta o le convenzioni religiose, è assolutamente giusto tenerne conto - aggiunge Barbujani. - Non ha importanza se questo gruppo sia stato classificato in base a parametri sociali, geografici o linguistici. Se questa vogliamo chiamarla medicina etnica va bene, l'importante è che non si pensi che nella nostra specie esistano le razze, ossia gruppi geneticamente omogenei al loro interno e diversi dagli altri. Sono 50 anni che sappiamo che non è vero". 

Il parere di Antonio Torroni "Personalmente ritengo che l'uso di parole quali razza ed etnia in contesto biomedico sia completamente fuorviante, e quello del termine race medicine sbagliato, pericoloso e inutile, oltre che irritante per un genetista umano. - sostiene Antonio Torroni, professore di genetica del dipartimento di genetica e microbiologia dell'Università di Pavia. - Il vero obiettivo della medicina del prossimo futuro è la terapia personalizzata non la "terapia di gruppo", gruppo che comunque sia definito o costruito è fatto di individui estremamente diversi, anche dal punto di vista genetico".

Articoli correlati

altri articoli

Diminuisce la mortalità per tumore in Europa

Crediti: rawpixels.com/Pexels. Licenza: Pexel License

I tassi di mortalità per il tumore della mammella nella UE nel 2019 diminuiranno di circa il 9% rispetto ai tassi registrati nel 2014, grazie a miglioramenti nello screening e nel trattamento della malattia. Il cancro al polmone rimane la principale causa di morte per tumore in entrambi i sessi, con un tasso di mortalità in diminuzione negli uomini e in aumento nelle donne. Tra i dieci siti tumorali in studio, il tumore del pancreas è l’unico a non mostrare andamenti favorevoli in entrambi i sessi