Covid-19/

I centri italiani che vincono in Europa

Read time: 3 mins

La ricerca italiana di base o, come si dice oggi, curiosity-driven si difende bene in Europa. A dimostrarlo, tra l'altro, è sia la partecipazione sia la capacità di vincere i bandi dell'European Research Council (ERC). Gli italiani, per esempio, sono stati primi assoluti per partecipazione e quarti assoluti per borse vinte all'ERC Advanced Grant 2008. Il bando era aperto a tutti e che, quindi, ha premiato il merito assoluto.

L'altissima partecipazione è in qualche modo segno di una "certa fame": in Italia le risorse sono minori che negli altri paesi, dunque i ricercatori italiani si dirigono in massa verso una fonte di possibile finanziamento. I ricercatori tedeschi, per fare un esempio, anche se sono molti di più in numero sono molto meno motivati dei loro colleghi italiani: la ricerca scientifica in Germania è ben finanziata e la fame dei tedeschi viene, per così dire, soddisfatta in loco.

Il discorso cambia quando si considera la capacità di vincere un bando. Allora entra in campo non la quantità, non la fame, ma la qualità. L'ERC, infatti, premio il merito assoluto, senza alcun fattore di condizionamento. E il fatto che gli italiani siano risultati quarta per numero assoluto di bandi vinti (dopo essere risultati secondi l'anno precedente nei bandi rivolti ai ricercatori più giovani) dimostra che nel nostro paese la qualità della ricerca esiste.

Tuttavia non è indifferenziata. La qualità della ricerca italiana non è uguale in tutti i settori e in tutte le discipline e in tutti i centri.  Su 275 borse assegnate dall'Advanced Grant 2008, 20 sono state vinte da ricercatori supportati da istituzioni italiane (7,2%). Ebbene, tra quei 20 ben 11 - il 55% - appartengono all'area disciplinare della fisica e ingegneria. In tutta Europa i progetti vincitori in questo settore sono stati 114, pari al 41,5% del totale dei grant assegnati.

È chiaro dunque che nell'universo italiano dei bravi, i fisici e gli ingegneri sono presenti in misura maggiore che in Europa. Ciò ha consentito loro di vincere il 9,6% dei bandi europei di settore.

Gli 11 vincitori appartengono: 1 all'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn); 2 al Politecnico di Milano; 2 all'Università di Roma;  1 all'Università Federico II di Napoli; 1 all'Università di Parma; 1 all'Università di Trieste e 1 alla Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste.

Ai ricercatori che lavorano nell'ambito delle scienze della vita sono andati 4 grants europei: il 20% del totale. In Europa questo settore ha ottenuto 84 grants, pari al 30,5% del totale. È chiaro che gli italiani bravi in questo settore sono mediamente meno che in Europa. E infatti gli italiani hanno vinto solo il 4,8% dei grants in scienze della vita.

I 4 vincitori appartengono rispettivamente a: Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor di Milano, alla Humanitas Mirasole di Rozzano (Milano), all'Istituto Europeo di Oncologia di Milano e all'Università La Sapienza di Roma.

Anche nel campo delle scienze sociali e delle humanities gli italiani supportati da istituzioni italiane sono stati 4 (il 20% del totale). Ma in Europa i grants assegnati a questo settore sono stati solo 48. Per cui nell'universo europeo del settore gli italiani si sono ritagliati l'8,3% della torta.

I 4 vincitori appartengono rispettivamente allo European University Institute di Firenze, alla Fondazione Collegio San Carlo di Modena, all'Istituto di Neuroscienze del CNR, all'Università commerciale Luigi Bocconi di Milano.

Un solo progetto su 29 europei (pari al 3,4% del totale europeo), infine,  ha ottenuto un grant nel settore interdisciplinare. Il premio è stato assegnato a un progetto supportato dalla Fondazione Istituto Firc di Oncologia Molecolare (IFOM) di Milano.

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Agamben e le insensatezze sulla dittatura telematica

Viviamo sotto dittatura telematica, le tecnologie digitali producono comunità fantasmatiche, i prof che fanno didattica a distanza sono come i docenti che giurarono fedeltà al Fascismo, ecc. ecc. Se, come dice Giorgio Agamben, il problema è la “barbarie tecnologica” che svuota le aule e sfibra lo studentato, c’è da chiedersi perché insieme alla didattica a distanza non abolire anche la scrittura e i libri. Niente distanzia più della tecnologia alfabetica e di quella tipografica.
Crediti immagine: Pexels/Pixabay. Lienza: Pixabay License

È vero che il buon senso non produce buona filosofia, ma ciò non significa che per produrre buona filosofia bisogna necessariamente dire qualcosa di insensato. Pare che invece che Giorgio Agamben voglia dimostrarci il contrario, e poiché non è certo un Diego Fusaro la cosa stranisce un po’. Eppure bisogna resistere ai resistenti, evitare di essere apodittici (anche perché non ce lo possiamo permettere), e provare a trarre dalle argomentazioni degli apocalittici utili spunti per gettare luce su quel che accade intorno a noialtri ingenui integrati.