Filippo Frontera

Filippo Frontera è professore ordinario di Fisica Generale presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Ferrara. Fino al 1985 è stato ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche presso l'Istituto di Tecnologie e Studio Radiazioni Extraterrestri di Bologna (ora INAF/IASF, Bologna) presso cui continua la sua collaborazione. Sin dalla laurea ha svolto la sua attività scientifica nel campo dell'astronomia in raggi X. E' stato responsabile di vari esperimenti di astronomia X, tra cui l'esperimento di alta energia (15-300 keV) Phoswich Detection System (PDS) e il Gamma-Ray Burst Monitor (GRBM) a bordo del satellite BeppoSAX. E' tra i vincitori del Bruno Rossi Prize 1998 dell'American Astronomical Society, per la scoperta dell'emissione ritardata in raggi X dai lampi di raggi gamma celesti (GRBs), rendendo possibile la misura delle distanze di tali oggetti da noi. Per le scoperte sui GRBs, è tra i vincitori anche del premio "Cartesio" 2002 per la Scienza della Commissione Europea. E' stato responsabile di vari programmi osservativi in raggi X col satellite BeppoSAX, e co-responsabile dell'esperimento JEM-X per il satellite INTEGRAL dell'ESA ora in orbita. E' responsabile del gruppo di Astrofisica delle Alte Energie del Dipartimento di Fisica di Ferrara. Tra le attività in corso, sia osservative che sperimentali, si menziona lo sviluppo di tecniche di lenti di Laue per raggi gamma (>60 keV) per astronomia spaziale.

Stelle o buchi neri?

Una delle questioni fondamentali ancora aperte per molti oggetti compatti nella nostra Galassia che emettono raggi X è quella di stabilire la loro natura: stelle di neutroni o buchi neri?  E’ uno dei temi principali che saranno affrontati durante il convegno internazionale di astrofisica delle alte energie: “X-ray astrophysics up to 511 keV” che si terrà da mercoledì 14 a venerdì 16 settembre, presso l’aula magna della Facoltà di Economia dell’Università di Ferrara, nello splendido palazzo Bevilacqua-Costabili (

  • Commenti
  • 4339 letture
    •