Mauro Degli Esposti

Nato ad Imola e formatosi all' Alma Mater Studiorum di Bologna, ha girato il mondo lavorando e vivendo in 4 nazioni e 3 continenti diversi. Fondamentalmente un biochimico, ha pubblicato circa 100 papers su riviste internazionali con peer-review e un totale di oltre 130 pubblicazioni in varie aree biomediche: bioenergetica, biologia di membrana, bioinformatica, spettroscopia, neurologia, diabete, invecchiamento, apoptosi, biologia cellulare e cancro. Un paper recente potrebbe forse rivelarsi uno dei migliori nel tempo. Dal 2003 ricopre la posizione di Lecturer e insegna Molecular Toxicology all'Università di Manchester. Dal 2008 ha animato il network della Via-academy, di cui è diventato presidente, e recentemente ha prodotto un saggio sugli ultimi 30 anni dell'università italiana. Ha partecipato pure alla riunione del Forum PD (Università, saperi e ricerca) tenutasi a Roma il 15 Luglio 2010. Ad Agosto 2010 produce il Manualetto del ricercatore provetto ed elabora con colleghi della Via-academy la classifica 'Top italian scientists', che promuove fra colleghi e media. Ha partecipato all'audizione presso la VII commissione cultura della Camera il 28 Settembre 2010 come rappresentante dei ricercatori italiani all'estero.

Pagina personale: http://www.via-academy.org/VIA/index.php?title=Mauro

Parametri di valutazione, discutiamo di numeri

Recentemente sta avvenendo un vero e proprio braccio di ferro fra due componenti del mondo scientifico-accademico italiano. Riguarda il punto cruciale dei criteri e parametri valutativi per i prossimi concorsi di abilitazione nazionale. Da una parte abbiamo l’ANVUR, che ha proposto criteri relativamente stringenti per l’abilitazione, basati su parametri bibliometrici riconosciuti. Questa posizione viene condivisa da scienziati Italiani all’estero ed in Italia, fra cui il Gruppo 2003.

  •